NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

un uomo con un cervello imprigionato in una gabbia per uccellini

Ideologismo

Etimologia

Dal greco, composto da Idea ("idea") + Logos ("ragione", "discorso" (interiore ed esteriore) e "parola") + suffisso -ismo ("caratterizzato", "predominante").

Significato

L'ideologismo ha accezione negativa e rappresenta la "predominanza" dell'ideologia sull'osservazione diretta della realtà, specialmente in ambito politico o comunque un sistema filosofico, politico, religioso fondato su un'ideologia astratta, non realistica, utopica, impossibile.

Latine loquiProverbio

Levant et carmina curas.

Il canto fa dimenticare i mali.

Canta che ti passa 

il busto severe di Tito Livio

Tito Livio

Frangar non flectar

Mi spezzerò ma non mi piegherò

Erroneamente è usata come motto gentilizio oppure anche per indicare un'integrità morale che non cede davanti a nessuna minaccia o pericolo. In realtà trasmette solo ottuso orgoglio. La frase non è documentata nella letteratura classica, ma il nesso flectere - frangere è invece presente variamente interpretato nella letteratura latina del periodo aureo: Tito Livio Historiae II, 23; Lucano, Pharsalia III, 554; Ovidio Ars II, 180; Seneca Thyestes 200 (flecti non potest, frangi potest).

Lettera Publilio, 45

È interessante il significato del nesso presentato nella sentenza di Publilio Siro: 

Pudor si quem non flectit, non frangit timor

Se uno non è piegato dal pudore, non è spezzato dalla paura

Horatius Carmen saeculare III, 3, 1-8; traduzione di Guido Vitali

Ma il significato con cui è divulgata maggiormente è ispirato da un passo di Orazio:

Iustum et tenacem propositi virum non civium ardor prava iubentium, non voltus instantis tyranni mente quatit solida neque Auster, dux inquieti turbidus Hadriae, nec fulminantis magna manus Iovis: si fractus inlabatur orbis, inpavidum ferient ruinae

All'uom tenace nel suo buon proposito non muove il saldo cuor furia di popolo che iniquo imperversi o cipiglio di minaccioso dèspota, non l'Austro torbido del re del mobile Adriatico, non la gran destra del signor del fulmine se infranto precìpiti il mondo impavido ei starà nella ruina

Esalta la fermissima e incrollabile coerenza con i propri principi. Orazio con essa illustra l'ideale morale del popolo romano.

Agostino

In Agostino invece si trova la locuzione di senso opposto: Flectar ne frangar.

Foto di Johnny Depp con occhiali dalla montatura scura e lenti chiare che lasciano intravedere due occhi grandi ed espressivi, capelli scuri cadenti a coprire le orecchie, baffetti e pizzetto. Bella immagine.
Johnny Depp

Attore, regista, musicista e produttore cinematografico.
Nato il 9 giugno 1963 a Owensboro, Kentucky (USA)

Aforismi di Johnny Depp

  • Non ricordo affatto quello che avrei sognato di fare quando ero piccolo. Di certo so che, come tutti i bambini, desideravo libertà, volevo poter essere irriverente.
  • Mi sommerge un'immensa ondata di calore e di infinita riconoscenza per ciò che la vita ha dato a un ragazzo che a sedici anni era andato a vivere per strada. Quel ragazzo ero io.
  • Ho iniziato a fumare a tredici anni, ho perso la verginità a tredici e a quattordici avevo già provato ogni tipo di droga. Non dico di essere stato un cattivo ragazzo, ero soltanto curioso.
  • Ho dieci tatuaggi, credo. Il più famoso è quello che diceva "Winona forever" di quando ero fidanzato con Winona Ryder. L'ho fatto cambiare in "Wino forever" (ubriaco per sempre), che mi sembrava più adatto a me.
  • La pirateria è l'anima del commercio.
  • Credo che le donne di Los Angeles vadano a comprarsi le gambe nello stesso posto. I loro fianchi mi arrivano all'altezza delle spalle.
  • Gli unici gossip che mi interessano sono quelli che pubblica il Weekly World News, "Reggiseno di una donna esplode, undici feriti" cose del genere.
  • La Francia e tutta l'Europa hanno una grande cultura ed una storia affascinante, ma la cosa più importante è che la gente sa come si vive! In America lo hanno dimenticato. Ho paura che la cultura americana sia un disastro.

Proverbio    Latine loqui

Si leonina pellis non satis est, assuenda vulpina.

Quando non basta la pelle del leone occorre indossare quella della volpe.

Il cervello ossia la furbizia è l'arma vincente.

Proverbio

Animus gaudens aetatem floridam facit.

L’allegria mantiene giovani

Bosco verticale nei grattacieli di Milano
Piantumazióne

Etimologia

Dal latino: planta = virgulto. Derivato del verbo piantumare.

Significato

Mettere a dimora giovani piante arboree in giardini e viali. Recente esempio di piantumazione è il Bosco Verticale in Milano, complesso di due palazzi residenziali a torre progettato da Boeri Studio nella zona dei Giardini di Porta Nuova; è uno dei progetti del recupero urbano milanese che ha vinto un premio prestigioso: l' 'International Highrise Award' di Francoforte.

Verbo

Piantumare: piantare.

Sinonimi

Impiantare, mettere a dimora, piantare

Magnificat

Il Magnificat è un cantico contenuto nel primo capitolo del Vangelo secondo Luca con il quale Maria loda e ringrazia Dio perché si è benignamente degnato di liberare il suo popolo. Per questo è conosciuto anche come Cantico di Maria. Maria lo pronuncia rispondendo al saluto della cugina Elisabetta, al momento del loro incontro. Il nome deriva dalla frase latina Magnificat anima mea Dominum (L'anima mia magnifica il Signore).

Ascolta il Magnificat Di Schola Gregoriana (Fundacja Caecilianum & WSD SAC)

Testo

L'asterisco (*) indica la cadenza mediana dividendo i versetti in due emistichi.

Latino
Italiano
Magnificat *
anima mea Dominum,
L'anima mia magnifica il Signore *
et exultavit spiritus meus *
in Deo salutari meo
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
quia respexit humilitatem ancillae suae, *
ecce enim ex hoc beatam me dicent omnes generationes
perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
quia fecit mihi magna, qui potens est: *
et Sanctum nomen eius
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:
et misericordia eius a progenie in progenies *
timentibus eum.
di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.
Fecit potentiam in brachio suo, *
dispersit superbos mente cordis sui,
Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
deposuit potentes de sede, *
et exaltavit humiles;
ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;
esurientes implevit bonis, *
et divites dimisit inanes.
ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Suscepit Israel, puerum suum, *
recordatus misericordiae suae,
Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,
sicut locutus est ad patres nostros, *
Abraham et semini eius in saecula.
come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.
Gloria Patri et Filio *
et Spiritui Sancto
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
sicut erat in principio et nunc et semper *
et in saecula saeculorum.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli.
Amen. Amen.

Cimento    La cultura a portata di mano

Etimologia

Dal latino: caementum; primo significato: mistura di sali.

Significato

Anticamente era così chiamata una mistura di sali usata dagli orafi per purificare o saggiare i metalli preziosi.

Oggi il termine viene usato in senso estensivo come verifica, prova: (I.Nievo) sentimenti d'un animo provato dal lungo cimento della vita; (Tommaseo) non mettete l'altrui generosità a troppo duro cimento. Usato anche come prova difficile e pericolosa, rischio: tentare il cimento delle armi, entrare in un cimento, mettersi a cimento.

Verbo

Cimentare: mettere alla prova, sperimentare; cimentare qualcuno, provocarlo; (V.Monti) perché adunque si piace egli d'affligermi e cimentarmi? Usato in senso riflessivo: avventurarsi, cimentarsi in un duello, cimentarsi in una impresa disperata.

Aggettivo

Cimentoso: pericoloso, rischioso; che si espone ai pericoli.

Sinonimi

Esperienza, saggio.
Rischio; (mettere a cimento) arrischiare, cimentare, provocare, sfidare, esasperare.

Proverbio popolare   Latine loqui 

Fallere, flere, nere, statuit Deus in muliere.

Ingannare, piangere e filare: è quanto stabilì Dio per le donne.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi84
Ieri1394
Settimana Scorsa12810
Mese Scorso47398
Da Gennaio 20151041642

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out