NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Lunedì, 25 Marzo 2013 08:31

Cane scappa da casa per tornare al canile

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cane scappa da casa per tornare al canile

Adottato in Piemonte dopo il terremoto de L'Aquila, è fuggito dopo tre giorni e ha vagato nei boschi prima di ripresentarsi ai cancelli della struttura di Bibiana.

Che la fedeltà dei cani li renda capaci di percorrere chilometri e chilometri per tornare a casa, è storia nota. Ma la storia di Dado, un grosso incrocio di labrador bianco, è quasi sicuramente unica. Perché lui da casa è scappato per tornare al canile di Bibiana, dove aveva trovato rifugio dopo essere sopravvissuto al terremoto de L'Aquila.

Dato in adozione a una signora della provincia torinese, Dado ha scavalcato la recinzione e dopo due settimane e 15 chilometri nei boschi, è tornato al rifugio gestito dalla Lega Nazionale del Cane.

Dado era stato visto aggirarsi per l'Aquila dopo il sisma del 2009: aveva circa sei mesi, e si è trovato di colpo senza casa e padroni. Mi ha cercato un'amica della Lega dell'Abruzzo, chiedendo se potevamo occuparcene, dato lo stato di emergenza in cui si trovavano. Avevano accolto 700 cani, con soli 300 posti a disposizione.

Così il cucciolone di labrador era arrivato in Piemonte, ma il trauma subito durante il terremoto era ancora presente: Dado non sopportava i rumori forti, si nascondeva nella sua cuccia e tremava. I volontari del canile, allora, sono intervenuti:

Abbiamo creato per lui un branco di 5 cani che di notte se ne stavano liberi nel prato, a fare la guardia. Dado si è rivelato presto un leader, svolgeva il ruolo di capobranco. Dopo qualche mese stava meglio.

- spiega Graziella Avondetto, responsabile del canile di Bibiana, all'edizione torinese di RepubblicaEd è stato dato in adozione.

Nella nuova casa, però, il labrador è rimasto solo per tre giorni, dopodiché è sparito. Gli addetti del canile l'hanno ritrovato dopo due settimane, fermo davanti alla recinzione della struttura: dopo aver vagato nei boschi era scheletrito, doveva avere perso almeno dieci chili. È entrato in canile, felice: si sentiva di nuovo a casa, fra i suoi amici. Ora è qui, non lo lasceremo più andare via.

Letto 1816 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Marzo 2013 08:43
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi80
Ieri833
Settimana Scorsa6947
Mese Scorso29335
Da Gennaio 20151553748

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out