Stampa questa pagina
Martedì, 27 Novembre 2012 01:00

Natale degli Acquisti online: come riconoscere le truffe in rete

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

2012 Natale degli Acquisti online: come riconoscere le truffe in rete

Sono circa 12 milioni gli italiani che ricorrono al Web per lo shopping natalizio. L'azienda McAfee suggerisce come riconoscere i criminali informatici attivi in rete.

Quest'anno la consueta corsa ai regali di Natale si farà su Internet. Il commercio elettronico piace molto agli italiani che, annoiati dai metodi tradizionali, ricorrono sempre di più alla rete per lo shopping natalizio. Secondo i dati aggiornati sull'e-Commerce in Italia rilevati da Netcomm, sono oltre 12 milioni i consumatori che hanno fiducia nel web per acquistare beni e servizi, e in un anno sono cresciuti del 30%. I motivi che spingono sempre più italiani a utilizzare la rete sono molteplici e all'apparenza molto vantaggiosi: la vasta gamma di prodotti reperibili online e la tempestività con cui questi vengono distribuiti, fanno di Internet un punto di riferimento importantissimo nella gara ai doni last minute.

Se questo tipo di mercato online viene considerato conveniente, non sempre però lo shopping sul web è sinonimo di affidabilità. I pericoli arrivano innanzitutto dai social media - spiega McAfee, azienda specializzata in sicurezza informatica:

Su Facebook e Twitter bisogna fare attenzione quando si fa clic sui "mi piace" per partecipare a concorsi, accettare annunci e offerte speciali anche se arrivano dai propri amici, perché anche gli account dei nostri amici potrebbero essere stati compromessi e inviare messaggi di truffa alla propria rubrica. Inoltre, dietro alle pubblicità che compaiono sui social potrebbero esserci falsi link dannosi.

Un territorio infido e ingannevole quello degli acquisti in rete che non sembra però scoraggiare quella fascia di utenti che continuano ad acquistare senza curarsi troppo delle truffe che colpiscono il web e il mondo della telefonia mobile. Nonostante i dichiarati rischi provenienti da Internet, le recenti ricerche sull'andamento del traffico web rilevano un'impennata di visite a quei siti e portali di regalistica, specialmente da novembre in poi.

L'agguato, però, è sempre dietro l'angolo: aziende fantasma create in rete solo per il periodo delle festività; consegne mai effettuate; spedizioni affidate a corrieri sprovveduti. Tra le truffe più tradizionali c'è lo SmsShing, cioè il phishing via SMS, ovviamente a tema natalizio. Durante la stagione delle feste, i cyber criminali sfruttano la generosità delle persone inviando loro e-mail che sembrano provenire da enti riconosciuti: in realtà, si tratta di siti web fasulli creati per appropriarsi delle donazioni, delle informazioni sulle carte di credito e dell'identità dei donatori. Tra gli altri metodi, i criminali informatici spesso inviano fatture fasulle e notifiche di consegna che sembrano arrivare, ad esempio, da Federal Express o Ups, che chiedono i dettagli della carta di credito per il riaccredito sul conto. La privacy online viene messa a dura prova anche dalle App sugli smartphone, progettate per rubare le informazioni personali o per inviare messaggi di testo a nostra insaputa. Il consiglio per questo Natale, concludono gli esperti di McAfee, è quello di:

Prestare attenzione agli annunci che richiedono troppe informazioni personali o l'invio di denaro tramite Western Union: è molto probabile che siano truffe.


15 buoni motivi per fare attenzione

Venditore

  1. Rivolgiti a negozi conosciuti, di grandi marche o che ti hanno consigliato, comunque assumi informazioni da internet o dai tuoi amici.
  2. Verificate che dietro le pagine web ci sia un'impresa reale. Puoi fare una verifica presso la camera di commercio e alla polizia annonaria della sede del negozio virtuale perché i negozi virtuali hanno l'obbligo di registrare l'attività. Sul sito deve esserci l'indirizzo fisico del venditore, l'email, il telefono, il fax. Fai una ricerca in internet.
  3. Un importante indizio è l'indicazione della partita iva che deve essere italiana e nella prima pagina. La sua assenza è una violazione sanzionata dalla guardia di finanza con 3'000 euro di multa, è obbligatorio per legge (nella prima pagina). La sua presenza è sintomo di trasparenza.
  4. Ogni sito ha una sua casella emall o un numero di telefono: usateli per chiedere tutti i chiarimenti necessari, ma anche con una scusa per vedere se rispondono - potresti averne bisogno ed è meglio saperlo prima;

Dati e diritti

  1. Nel sito dovete trovare indicazioni relative al diritto di recesso, al servizio Informazioni alla clientela e al rispetto della privacy.
  2. In molti casi è indispensabile registrarsi per usufruire dei servizi: si tratta di compilare una scheda con i propri dati anagrafici che restano in memoria e consentono di tornare a fare acquisti in quel sito senza ricompilare la scheda. Se le richieste dì Informazioni sono personali e non sono necessarie alla conclusione del contratto, è meglio non fornirle, dato che verranno utilizzate molto probabilmente per fini promozionali

Le condizioni essenziali

  1. Prima di procedere all'ordine è necessario avere sotto mano tutte le informazioni indispensabili per acquistare: prezzo, spese di trasporto, tempi di consegna, modalità di pagamento;
  2. Controllate che incluso nel prezzo ci siano le spese di spedizione, l'iva e le spese doganali se il prodotto proviene dall'estero;
  3. Informatevi sui tempi di consegna;
  4. Verificate di poter pagare come preferite: bonifico bancario, pagamento in contrassegno alla consegna, carta di credito.

Consegna

  1. Di norma le spese per la consegna sono a carico dell'acquirente. Le merci acquistate devono essere consegnate in perfette condizioni ed entro i termini concordati;
  2. Se per il trasporto il venditore affida la merce a uno spedizioniere, quest'ultimo sarà responsabile nei confronti dell'acquirente per i danni che la merce potrà subire durante il trasporto ma dovete segnalarlo subito scriverlo sulle note e scrivere accettato con riserva prima di firmare o addirittura rifiutare il pacco se è molto danneggiato;

Pagamento

  1. Se pagate con carta di credito, fate attenzione: non inserire i dati della carta se non appaiono sulla schermata le sigle SSL o SET, insieme al simbolo del lucchetto, dovete inserirlo solo in una pagina sicura;
  2. Tenete sempre sotto controllo l'estratto conto della vostra carta di credito e contestate immediatamente all'ente emittente gli eventuali addebiti sbagliati: il titolare che contesta gli utilizzi fraudolenti della carta è protetto dalla legge;
  3. Usate una carta di credito ricaricabile e destinatela solo agli acquisti online;
  4. La carta di credito non è il solo strumento che si può utilizzare per pagare su Internet:
    • Bonifico bancario anticipato. Fatto l'ordine via Internet, si fa un bonifico a favore del venditore, che provvederà alla spedizione quando avrà ricevuto il numero di Cro (Codice di riferimento ordine), presente sulla ricevuta del bonifico. Il rischio sta nel fatto che in questo caso si paga prima di ottenere il servizio o prodotto;
    • Contrassegno. Si paga in contanti o con assegni circolari all'arrivo della merce. Si tratta della forma più sicura di pagamento;
    • A rate. Alcuni siti permettono di pagare gli acquisti online a rate. In questo caso viene acceso un finanziamento di credito al consumo, con il pagamento di interessi. Tenete però presente che la maggior parte delle carte di credito (con la funzione revolving) permette di rateizzare l'estratto conto. Attenzione agli interessi zero, guardate le note, in caso non vi venga concesso il finanziamento di credito al consumo, questo viene concesso in alternativa dal venditore a tassi molto elevati.
Letto 4089 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Dicembre 2015 10:52
Devi effettuare il login per inviare commenti