NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Lo sapevi che?

Lo sapevi che?

Piccole e Grandi curiosità, pillole di Cultura, qualche volta una piccola lista di cose che è meglio sapere prima di affrontare la giornata. Una rubrica "quasi" quotidiana... per non farsi mai trovare "impreparati".

placca commemorativa di un orologio solare

Questa notte, torniamo all'ora solare (o invernale) ma potrebbe essere l'ultima volta. Per facilitare lo spostamento delle lancette, il cambio dell'ora è decisa fra le 2 e le 3 (di notte), ovvero quando la circolazione di treni e mezzi pubblici è ridotta al minimo.
In pratica, questa notte o la mattina di domenica le lancette devono tornare un'ora indietro.

In un ambiente pulitissimo in sequenza una seie di macchine con enormi tubi che dall'alto arrivano su ogni sezione a rulliFoto Mulino Maroggia sa - Canton Ticino - Svizzera

I numeri dei mulini nell'industrtria 4.0

Una linea produttiva di un moderno mulino 4.0 è composta da circa 20 macchine che operano in tre settori diversi: pulitura - lavaggio del cereale; macinazione; e separazione - confezionamento dei prodotti finiti.
Il settore è composto da aziende che hanno una media di un laboratorio di analisi interno e 4 linee produttive, le quali, lavorando con un regime di 24ore su 24 per 340 giorni all'anno producono 4mila quintali di farine al giorno.
Una produzione totale di 136milioni di Kg realizzati con una media di una quindicina di collaboratori tra cui quattro mugnai diplomati e un tecnologo di processo specializzato nell'industria dei cereali. Il resto delle risorse umane è impiegato per la movimentazione delle merci e per la commercializzazione...

il simbolo è un semplice bastone liscio con la punta in basso ed un pomo sferico in cima, attorno al bastone si intrecciano due serpenti e dietro al pomo spuntano due ali pennute

Caduceo di Mercurio oppure Bastone alato del dio Hermes

Il Caduceo di Mercurio è un simbolo antico rappresentato da due serpenti attorcigliati a un bastone.
È chiamato anche Bastone alato del dio Hermes, divinità dell’antica Grecia che nei romani diviene Mercurio.

Significato

I due serpenti rappresentano le forze duali di questo mondo: il positivo e il negativo, il maschile e il femminile, il bene e il male.
I due serpenti, nel momento che s’incontrano conciliano gli opposti facendo nascere le ali, simbolo della visione unica che abbandona il conflitto interno dell’essere umano nel mondo materiale duale (bene e male).

Sopra le ali, che rappresentano Mercurio il messaggero che mette in comunicazione gli uomini e gli dei.
Mercurio ha il compito di mediatore, nonchè di redimire le liti. Per questo motivo, il Caduceo di Mercurio veniva anche mostrato dagli ambascitori ai capi di stato, a simboleggiare la loro funzione mediatrice.
Secondo la cultura orientale il Caduceo rappresenta anche l’energia sessuale risvegliata e trasmutata che prende nome di Kundalini.

Il Caduceo di Mercurio simbolo di salute

Il Caduceo di Mercurio rappresenta la manifestazione fisica dell’equilibio in tutti i suoi aspetti: fisici e psichici.
La malattia, come afferma da anni anche la scienza, spesso è psicosomatica, nasce da un conflitto della psiche che si ripercuote nel corpo. Ecco che la conciliazione è guaritrice.
Risolto il conflitto, si attiva la guarigione.
L’utilizzo del serpente nel simbolo indica rinnovamento interiore, morte e rinascita, poiché in natura il serpente cambia pelle. Lascia il vecchio per rigenerarsi nuovo.
Mercurio messaggero degli dei, porta il suo messaggio e il suo beneficio facendo da ponte tra la parte divina/invisibile e quella umana/materiale.
L’accettazione del paradosso sul quale cammina la vita ogni giorno dona prosperità e salute, questo è il significato più importante di questo simbolo.

Maria a braccia aperte beata (incantata)

Celebrata oggi dalla chiesa, è un tema molto caro agli artisti di ogni epoca che con diverse sensibilità e accenti lo hanno rappresentato in disegni, dipinti e sculture...

LUNGA vita a blog e blogger

Dopo decenni di incertezza sulla natura dei "diari della rete", la Cassazione ha sciolto ogni dubbio: i blog non sono testate giornalistiche e non devono essere registrati in tribunale. Di conseguenza non possono essere chiusi perché colpevoli del reato di stampa clandestina previsto dalla legge 47 dell'8 febbraio 1948, meglio conosciuta come legge sulla stampa. La terza Sezione della Corte - presieduta da Saverio Felice Mannino, con la relazione del magistrato Santi Gazzara e la presenza del sostituto procuratore generale Policastro - si è pronunciata sul caso del giornalista e blogger siciliano Carlo Ruta, giudicato colpevole di stampa clandestina in primo e secondo grado.

di PAOLA ROSA ADRAGNA (repubblica.it)

foto in bianco e nero di un delle prime sfilate del primo maggio gente ben vestita e uno striscione con scritto W il primo maggio

Primo Maggio - Festa dei Lavoratori

L'origine della festa dei lavoratori risale a una manifestazione organizzata negli Stati Uniti dai Cavalieri del lavoro (Knights of Labor, associazione fondata nel 1869) a New York il 5 settembre 1882. Due anni dopo, nel 1884, si decise che ogni anno i lavoratori avrebbero manifestato per i propri diritti.

In molti Paesi d'Europa la festività del primo maggio fu adottata nel 1889, in Italia due anni dopo. Anche nel nostro Paese, però, questa festività ha trovato filo da torcere. In epoca fascista, per esempio, tra il 1924 e il 1944 la festa del lavoro fu anticipata al 21 aprile e, spesso, venne repressa duramente dal Governo fascista.

Nel 1947 questa importante ricorrenza finì in un bagno di sangue a Portella della Ginestra (una località in provincia di Palermo), quando il bandito Salvatore Giuliano e la sua banda spararono su un corteo di circa duemila lavoratori in festa sui prati, uccidendone undici e ferendone una cinquantina.

Il primo maggio va commemorato per non dimenticare tutte quelle persone che hanno lottato per ottenere condizioni di lavoro e di vita umane per tutti e per difendere il proprio diritto al lavoro.

Gesù in una llustrazione nella bibbia Etiope

Ieasika Elihle", "Heri kwa sikukuu ya Pasaka!" e "Eku odun ajinde!": così fanno gli auguri di Buona Pasqua in Africa, e per la precisione in lingua Zulù, Swahili e Yoruba. Ma in occasione della festività è bene ricordare il festival etiope di Fasika che celebra il giorno in cui Gesù Cristo è risorto dai morti dopo essere stato crocifisso. Durante la Quaresima, gli etiopi digiunano per 55 giorni. La messa della domenica di Pasqua è un evento che dura diverse ore, accompagnato da preghiere e musica. I sacerdoti sono vestiti nei loro migliori abiti e le persone indossano vestiti bianchi di cotone. Il digiuno termina per mangiare carne macellata la sera precedente e vi è un'abbondanza di tisane locali (tella e tej).

Buon Santo Stefano a Tutti

Il giorno di Santo Stefano è una festività cristiana celebrata il 26 dicembre dalla Chiesa cattolica e da alcune Chiese protestanti, nel ricordo del primo martire cristiano. Auguri di buon onomastico a tutti gli Stefano e a tutte le Stefania e Buon Santo Stefano a tutti i lettori.

Buon Natale

Innanzitutto se stai leggendo questo messaggio forse non sai che è Natale! Quindi...

Spieghiamo prima di tutto cos'è il Santo Natale

Il Natale è la festività cristiana che celebra la nascita di Gesù (Natività). Cade il 25 dicembre (il 7 gennaio nelle Chiese ortodosse slave e copte che adottano il calendario giuliano).

Secondo il calendario liturgico è una solennità di importanza superiore all’Ascensione e alla Pentecoste, ma inferiore alla Pasqua, la festività cristiana più importante. È comunque la festa più popolarmente sentita tra i cristiani e negli ultimi anni ha assunto anche un significato laico, legato allo scambio di doni, alla famiglia e a figure del folclore come Babbo Natale.

Ma chi è questo Babbo Natale, quale è l’origine della figura di Babbo Natale e sulle diverse denominazioni? Raffaella Setti ha preparato un approfondimento per una trasmissione televisiva in cui è intervenuta la Presidente dell’Accademia, prof.ssa Nicoletta Maraschio. Riproponiamo il testo seguito da una nota, curata da Matilde Paoli, sulla questione del plurale.

Il numero 33Oggi mancano 33 giorni alla fine dell'anno, il numero che rappresenta gli anni di Cristo nella smorfia. Come sempre partiremo proprio dalla tradizione napoletana per scoprire segreti, coincidenze, significati e possibile interpretazioni che a questo numero possono essere associate. In questo modo capiremo quando questo numero può essere giocato, quali sono i suoi significati e quali curiosità sapere.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi1027
Ieri1169
Settimana Scorsa7762
Mese Scorso30720
Da Gennaio 20151595843

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out