NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Pensieri, Poesie & Libri

Pensieri, Poesie & Libri

«Ogni generazione», nota Leah Price sul New York Times, «riscrive l'epitaffio del libro» e aggiunge «Il digitale non ucciderà i nostri amati libri, pur cambiandone radicalmente la forma e le modalità di accesso e distribuzione»

Diverso invece, e meno esplorato, è il modo in cui si sta trasformando la nostra percezione dell'autore in un mondo in cui non serve necessariamente più il libro per essere autori. Ci sono mille strumenti (dai blog in poi) e la stessa idea di «pubblicazione» non ha più quelle barriere di accesso elevate che in qualche modo davano una certificazione autoriale in funzione della scelta dell'editore.

In questa rubrica esploriamo questo nuovo mondo, parlando anche di poesia e sperando di poter diventare il miglior posto dove trovare il tuo prossimo libro da leggere.

Pablo Neruda

pseudonimo di Ricardo Eliecer Neftalí Reyes Basoalto 
(1904 – 1973), poeta cileno. Premio Nobel per la letteratura.


 

Ti manderò un bacio con il vento e so che lo sentirai,
ti volterai senza vedermi ma io sarò li
Siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni
Vorrei essere una nuvola bianca in un cielo infinito
per seguirti ovunque e amarti ogni istante
Se sei un sogno non svegliarmi
Vorrei vivere nel tuo respiro
Mentre ti guardo muoio per te
Il tuo sogno sarà di sognare me
Ti amo perché ti vedo riflessa in tutto quello che c'è di bello
Dimmi dove sei stanotte ancora nei miei sogni?
Ho sentito una carezza sul viso arrivare fino al cuore
Vorrei arrivare fino al cielo e con i raggi del sole scriverti ti amo
Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno tra i tuoi capelli,
per poter sentire anche da lontano il tuo profumo!
Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi.

 

Una famiglia, si intravede solo la sagoma sullo sfondo un'alba

Tempo fa, con mi moglie, andammo a Piacenza a trovare dei suoi parenti. Una sua cugina sempre giovane, aveva raggiunto i 35, ci raccontò della sua eterna lotta con il ragazzo. Tutta la famiglia sembrava subire questa iattura, Nonni, Fratelli, Genitori.

Si prendevano, si lasciavano, convivevano, litigavano. Ci disse che continuava a passare momenti di disperazione, intervallati da momenti di felicità. Momenti di felicità intervallati da momenti disperazione, gli dissi io; ci mise qualche momento per capire.

Allora aggiunsi, ma tu la vuoi una famiglia? Ma certamente fu la risposta decisa.
Aggiunsi: li vuoi dei figli?  Ma certamente fu la risposta.

Ma non subito - si apprestò a rispondere - per i figli poi... e lasciò sospeso il discorso.

Allora io tra lo stupore generale le chiesi: ma tu ci vai dal ginecologo? Ma certamente fu di nuovo la risposta, e aggiunse: regolarmente. Persino la faccia di mia moglie sembrò trasmettermi: che cacchio di domande fai?

Una nave in mezzo ad una tempesta

Mi chiamo Juan Cortez e non sono nulla.

Nel vascello dove sono imbarcato, il Marina, c'erano esperti navigatori, marinai, commercianti e un capitano di tutto rispetto. Io non sono altro che un semplice mozzo, senza nessuna particolare abilità.

Venti giorni fa, tutto è cambiato.

Federico Garcia LorcaFederico del Sagrado Corazón de Jesús García Lorca

(Fuente Vaqueros, 5 giugno 1898 – Víznar, 19 agosto 1936)
Poeta e drammaturgo spagnolo

Notturno

Ho tanta paura
delle foglie morte,
paura dei prati
gonfi di rugiada.
Vado a dormire;
se non mi sveglierai
lascerò al tuo fianco
il mio freddo cuore.

Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amor mio!

Ti cinsi collane
con gemme d'aurora.
Perché mi abbandoni
su questo cammino?
Se vai tanto lontana
il mio uccello piange
e la vigna verde
non darà vino.

Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amor mio!

Non saprai mai
o mia sfinge di neve,
quanto
t'avrei amata
quei mattini
quando a lungo piove
e sul ramo secco
si disfa il nido.

Che cosa suona
così lontano?
Amore. Il vento sulle vetrate,
amore mio!

Emily Elizabeth Dickinson

Emily Elizabeth Dickinson

(Am(Amherst, 10 dicembre 1830 – Amherst, 15 maggio 1886) 
Poetessa statunitense. È considerata tra i maggiori lirici del XIX 

Non esiste un vascello veloce come un libro

Non esiste un vascello veloce come un libro
per portarci in terre lontane
né corsieri come una pagina
di poesie che si impenna
questa traversata può farla anche il povero
senza oppressione di pedaggio
tanto è frugale
il carro dell’anima.

Paul Marie VerlainePaul Marie Verlaine
(Metz, 30 marzo 1844 – Parigi, 8 gennaio 1896)
poeta francese.

Poiché l’alba si accende

Poiché l'alba si accende, ed ecco l'aurora,
poiché, dopo avermi a lungo fuggito, la speranza consente
a ritornare a me che la chiamo e l'imploro,
poiché questa felicità consente ad esser mia,

facciamola finita coi pensieri funesti,
basta con i cattivi sogni, ah! soprattutto
basta con l'ironia e le labbra strette
e parole in cui uno spirito senz'anima trionfava.

David Herbert Richards LawrenceDavid Herbert Richards Lawrence

(Eastwood, 11 settembre 1885 – Vence, 2 marzo 1930) 
Scrittore, poeta, drammaturgo, saggista e pittore inglese.

Notte di dicembre

Togliti la mantella, il cappello
e le scarpe, e fermati al mio focolare
dove nessuna donna si è mai seduta.

Ho acceso il fuoco più vivido; lasciamo
tutto il resto nel buio, e sediamo
accanto alla luce della fiamma.

Il vino è caldo sul focolare;
riflessi vanno e vengono.
Riscalderò con i baci le tua membra
finché risplendano.

Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi
al battesimo Giacomo Taldegardo Francesco di Sales Saverio Pietro Leopardi, conte (Recanati, 29 giugno 1798 – Napoli, 14 giugno 1837), Poeta, filosofo, scrittore, filologo e glottologo italiano.

O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l'anno, sovra questo colle
Io venia pien d'angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, nè cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri!




Salvatore Quasimodo

(Modica, 20 .08.1901 – Napoli, 14.06.1968)
Poeta italiano, esponente di rilievo dell'ermetismo, ha contribuito alla traduzione di testi classici, soprattutto dei lirici greci e vincitore del premio Nobel per la letteratura nel 1959.

 

Ora che sale il giorno

Finita è la notte e la luna
si scioglie lenta nel sereno,
tramonta nei canali.

E’ così vivo settembre in questa terra
di pianura, i prati sono verdi
come nelle valli del sud a primavera.
Ho lasciato i compagni,
ho nascosto il cuore dentro le vecchie mura,
per restare solo a ricordarti.

Come sei più lontana della luna,
ora che sale il giorno
e sulle pietre batte il piede dei cavalli!

 

Pablo Neruda in una foto in bianco e nero siede su una sedia avanti alla sua casa in riva al mare

Perché tu possa ascoltarmi le mie parole
si fanno sottili, a volte,
come impronte di gabbiani sulla spiaggia.

Collana, sonaglio ebbro
per le tue mani dolci come l’uva.

E le vedo ormai lontane le mie parole.
Più che mie sono tue.
Come edera crescono aggrappate al mio dolore antico.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi831
Ieri876
Settimana Scorsa6211
Mese Scorso29590
Da Gennaio 20151213208

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out