NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Detti latini

Detti latini

Nel passato conoscere le risposte era prerogativa di Saggi e Iniziati, rigorosamente vincolati al segreto, eppure esiste un filo d'oro che collega tutte le civiltà e che ha permesso di portare fino ai tempi attuali gli insegnamenti dell'antica Saggezza, che comprendono le risposte alle domande primordiali che ogni uomo che comincia a sollevarsi dalla massa bruta, si pone nel suo intimo più profondo: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo?

Intere scuole di filosofia hanno tentato, e ancora lo fanno, di proporre risposte, varie e articolate come le differenze di carattere degli uomini, noi tenteremo di trasmetterle in questa rubrica.

Decimo Giunio Giovenale

grafica presente sulle satire che vede il profilo del personaggio parzialmente coperto da una mascheraDecimo Giunio Giovenale è stato un poeta e retore romano, famoso per le sue sedici Satire scritte in esametri.
(50-60 dopo Cristo - 127 dopo Cristo)

Versione latino

Tantum stridentia stratoria altrui, è habitus quod est in tempore amisit in terram elatam traderet

Analisi del testo

Far cigolare i letti altruiè, un'abitudine che si perde nella notte dei tempi

Tant'è che è vera ancora oggi, dove prima di arrivare al dunque molto spesso si passa attraverso il web: messaggini furtivi, appuntamenti strappati via whatsapp, siti specializzati in incontri. E bene fa la moglie che scopre il marito a navigare sul web "in cerca di relazioni con altre donne" a andarsene immediatamente, senza nemmeno lasciare all’aspirante traditore la possibilità di un’improbabile giustificazione. Perché si tratta di una "circostanza oggettivamente idonea a compromettere la fiducia tra i coniugi e a provocare l’insorgere della crisi matrimoniale all’origine della separazione". E la decisione "preventiva" della moglie non può essere considerata come abbandono del tetto coniugale. Lo stabilisce la Cassazione.

Decimo Giunio Giovenale

grafica presente sulle satire che vede il profilo del personaggio parzialmente coperto da una mascheraDecimo Giunio Giovenale è stato un poeta e retore romano, famoso per le sue sedici Satire scritte in esametri.
(50-60 dopo Cristo - 127 dopo Cristo)

Versione latino

...duas tantum res anxius optat panem et circenses

Analisi del testo

(il popolo) ...due sole cose ansiosamente desidera pane e i giochi circensi

Questa amara verità si commenta da sola e soprattutto è quantomai vera ancora oggi.

Marco Tullio Cicerone (Cicerone)

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliAvvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano - vedi scheda...
(106 avanti Cristo - 43 avanti Cristo)

Versione latino

Nomina sunt odiosa

Analisi del testo

Fare i nomi è una cosa odiosa

Se proviamo, anche solo per un secondo, a metterci nei panni della vittima, dispiacersi è inevitabile. Questa immedesimazione però è faticosa e, soprattutto, non basta da sola a migliorare la situazione. Rappresenta però il primo passo. Non fare nulla lascia campo libero alle prevaricazioni e ai soprusi. Fare la spia è odioso, però ci sono tanti altri modi con cui è possibile intervenire.

Tito Livio

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelli(Patavium, 59 avanti Cristo – Patavium, 17 dopo Cristo)
Tito Livio è stato uno storico romano, autore di una monumentale storia di Roma, gli Ab Urbe Condita libri CXLII, dalla sua fondazione (tradizionalmente datata 21 aprile 753 avanti Cristo) fino alla morte di Druso, figliastro di Augusto nel 9 avanti Cristo.

Versione latino

Apparet id quidem etiam caeco

Analisi del testo

È evidente perfino a un cieco

Una locuzione che si commenta da sola e che ancora oggi è oggetto di esclamazione.

Marco Tullio Cicerone (Cicerone)

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliAvvocato, politico, scrittore, oratore e filosofo romano - vedi scheda...
(106 avanti Cristo - 43 avanti Cristo)

Versione latino

Quid dulcius quam habere, quicum omnia audeas sic loqui ut tecum?

Analisi del testo

Cosa c'è di più dolce che avere qualcuno con cui parlare così come con se stessi?

Si tratta di un passo dell’opera monografica a carattere filosofico dove Cicerone affronta il tema dell'amicizia. Sono sentimenti autobiografici di un uomo, che aveva sperimentato, prima l’amarezza della solitudine negli anni di attività politica; Poi una importantissima amicizia con virtus, sincerità, fiducia, generosità; Infine con la morte del suo più caro amico Scipione Emiliano sperimenta il rimpianto.

Pagina 3 di 229

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi709
Ieri983
Settimana Scorsa8113
Mese Scorso36813
Da Gennaio 20151633459

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out