NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Detti latini

Detti latini

Nel passato conoscere le risposte era prerogativa di Saggi e Iniziati, rigorosamente vincolati al segreto, eppure esiste un filo d'oro che collega tutte le civiltà e che ha permesso di portare fino ai tempi attuali gli insegnamenti dell'antica Saggezza, che comprendono le risposte alle domande primordiali che ogni uomo che comincia a sollevarsi dalla massa bruta, si pone nel suo intimo più profondo: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo?

Intere scuole di filosofia hanno tentato, e ancora lo fanno, di proporre risposte, varie e articolate come le differenze di carattere degli uomini, noi tenteremo di trasmetterle in questa rubrica.

Latine loqui

Seneca

(Hercules furens, v. 168)

Congesto pauper in auro

Povero fra i mucchi d'oro

Espressione usata per dire che le grandi ricchezze non portano la felicità.

 Latine loqui

Cicerone

Summum ius summa iniuria

Il sommo diritto è somma ingiustizia

Aforisma giuridico con cui si vuol dire che l’uso rigoroso e indiscriminato di un diritto o l’applicazione rigida di una norma può diventare un’ingiustizia.

Latine loqui

Ovidio

Dicere quae paduit, scribere iussit amor

Amore consiglia di scrivere quello che non osiamo dire a voce

Latine loqui
Lucio Anneo Seneca

Filosofo e drammaturgo (4 a.C. - 65 d.C.)
Da: "Epistulae Morales Ad Lucilium - Libro III, XXII, 1"

Gladiator in arena consilium capit

Il gladiatore decide le sue mosse nell'arena

Significato

Gliele suggeriscono il volto dell'avversario, i movimenti delle mani, l'inclinazione stessa del corpo, che egli studia attentamente. Inutile fasciarsi la testa prima che sia rotta. 

Il detto viene citato da Seneca come un proverbio in uso a Roma ai suoi tempi: "Vetus proverbium est gladiatorem in arena capere consilium: aliquid adversarii vultus, aliquid manus mota, aliquid ipsa inclinatio corporis intuentem monet.

Latine loqui
Quinto Orazio Flacco 

Poeta romano. 65 a.C. - 8 a.C.
Dalle Epistulae «I, 11 v.27»

Coelum non animum mutant qui trans mare currunt

Non mutano il loro animo, ma solo il cielo (sopra la loro testa) coloro che attraversano il mare

E' una celebre frase in cui il poeta saggiamente evidenzia, in verso esametro, come non si possa sfuggire a noi stessi e come la felicità e la serenità d’animo siano ancora un tesoro interiore e non un privilegio acquisibile grazie soltanto ad un viaggio oltremare.

Pagina 10 di 229

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi348
Ieri1095
Settimana Scorsa7097
Mese Scorso32380
Da Gennaio 2015930382

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out