NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

#ParoleStraniere: conosci etimologia e significato di [Umami]?

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

lingua la parte centrale interna è sensibile al gusto amaro, verso la punta, ai lati prima ci sono le aree destra e sinistra del gusto acido, poi le aree destra e sinistra del gusto salato. la striscia centrale è il gusto umami e la punta il gusto dolce

Umami

Giapponese うま味, pronuncia: umàmì.

Etimologia

Il termine umami deriva da 旨み、旨味、うまみ = "gusto", "sapore", "assaggio".

Significato

Il gusto umami è uno dei sapori fondamentali (come l’amaro, il dolce, il salato e l’acido) per il quale viene preso a prototipo quello dell'hacho miso (semi di soia cotti e fermentati). Le papille gustative preposte alla sua rilevazione sono posizionate nella striscia centrale della lingua. Questo quinto gusto è stato trascurato fino al 1909 quando Kikunae Ikeda – professore presso l’Università Imperiale di Tokyo – lo identificò mentre beveva il brodo dashi (a base di alga kombu e bonito, il tonnetto essicato). Oggi sappiamo che è presente anche nella cucina italiana e sono parecchi gli alimenti che lo possiedono naturalmente: dal prosciutto stagionato al parmigiano, ai pomodori maturi, la colatura di alici e diversi tipi di funghi.

Curiosità

Il gusto umami lo trovate in tutto il mondo e questa mappa creata dall’Umami Information Center vi spiega perfettamente dove e in cosa.

On line trovate anche gli approfonditi studi di Tomaso Papi dove viene spiegato scientificamente come l’umami non sia un gusto immediatamente percepito. Diventa persistente in un secondo momento dopo la deglutizione, dai residui di saliva rimasti in bocca.

Letto 877 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi991
Ieri964
Settimana Scorsa8382
Mese Scorso38154
Da Gennaio 2015800094

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out