NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

Un rotolo di carta igienica enorme

Uso della carta igienica: dagli ecologisti arriva pressante un ammonimento ad usare meno carta igienica.
L'Istituto che controlla la salute del pianeta "Worldwatch Institute" di Washington e la rivista New Scientist hanno calcolato che in Europa si consumano 60 milioni di rotoli al giorno e che gli americani ne consumano sei volte di più della media mondiale.
Praticamente donne e uomini, secondo questi ecologisti, si danno allo spreco cominciando dal bagno per cui anche l'acqua dello sciacquone va usato con parsimonia, magari cumulando il passaggio dell'intera famiglia in tre tirate al giorno.
Forse anche in questo settore potremo trovare in futuro qualche eroe della carta igienica che si faccia da paladino di buon esempio consumando un solo rotolo al mese o due a trimestre.
Qualcuno si cimenterà per entrare nel guinnes dei primati. (Ah ah ah)

La nuova immagine dei buchi neri, foto vera, un grosso anello carnoso che divora al suo interno da sopra e da sotto spazzatura spaziale

Dalla fisica quantistica arriva un ritratto completamente nuovo dei buchi neri destinato ad aprire una nuova pagina dell'astrofisica: mentre per la fisica classica un buco nero divora tutto ciò che lo circonda non emettendo nulla, la meccanica quantistica ci dice che un buco nero può riemettere ciò che ha assorbito. La scoperta è presentata in una sezione speciale di Science. Fra gli astrofisici anche due italiani, Tomaso Belloni, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), e Marta Volonteri.

Immagine di un veicolo spaziale a 6 ruote, di quelli che esplorano il terreno,Conto alla rovescia per la discesa su Marte di Curiosity, il rover laboratorio intelligente della Nasa che sta per raggiungere il pianeta rosso. La sua discesa sul suolo marziano è prevista alle 7,31 (ora italiana) di lunedì 6 agosto. Tutto procede bene, Curiosity, spiega la Nasa, è su una 'rotta' stabile, entro i limiti necessari per raggiungere il sito di atterraggio. Con Curiosity, su Marte sbarcherà anche l'Italia: un chip che contiene l'autoritratto di Leonardo da Vinci e il Codice del Volo.

Chirurghi all'opera

Impiantare una pompa cardiaca che supporta il lavoro del cuore senza aprire il torace: un intervento da fantamedicina fino a poco tempo fa, una realta' invece da pochi giorni all'ospedale di Padova dove l'equipe del professore Gino Gerosa ha impiantando il supporto cardiaco 'Jarvik 2000' in un paziente di 67 anni, per la prima volta al mondo senza aprire lo sterno.

L'uomo, che ha superato brillantemente il decorso post operatorio, soffriva di una grave cardiomiopatia dilatativa.

''Un paziente che avrebbe sopportato con parecchie difficolta' le conseguenza di una operazione con tecnica tradizionale - ha spiegato oggi il prof. Gerosa - quindi abbiamo deciso di operare nella maniera meno invasiva possibile''. Il cardiochirugo ha spiegato stamane in una conferenza stampa a Padova come ha proceduto per l'operazione. ''L'approccio che abbiamo usato - ha detto - e' stato quello di una piccola incisione di circa dieci centimetri sotto il pettorale sinistro, che ha permesso di ridurre con l'invasivita' chirurgica anche il dolore post operatorio''. ''La pompa assiale - ha proseguito - e' stata inserita preservando l'integrita' ossea della parete toracica laterale ed evitando l'apertura completa dello sterno''.

(ANSA)

Il chiostro dell'abbazia di Piona - si trova sulla sponda lecchese del lago di Como nel territorio del comune di Colico.Il Romanico può essere definito a buon diritto il primo linguaggio volgare dell'Occidente, un linguaggio non uniforme, ma con notevoli varianti dall'area germanica fino al bacino del Mediterraneo. Forme eleganti e sobrie sono proprie del cosiddetto Romanico-lariano, che si sviluppò fra X e XII secolo lungo il lago di Como. Artevarese consiglia una visita approfittando delle belle giornate estive, ripercorrendo le parole di Stendhal, che aveva definito il lago di Como semplicemente sublime.

Prima tappa, Gera Lario. Da una posizione sopraelevata domina il lago la chiesa di S.Vincenzo, le cui origini risalgono al V secolo d.C., quando venne costruito un oratorio, poi trasformato nella chiesa odierna. La frequentazione del colle di Gera Lario risale addirittura all'epoca romana, quando al posto dell'oratorio si trovava una villa romana.

Passaggio a Gravedona. Gravedona è uno dei centri più turistici del lago, che conserva un edificio di eccezione, S.Maria del Tiglio. Anche in questo caso una origine più antica, da un battistero paleocristiano, mentre l'aspetto attuale risale al XII secolo. Interessante la pianta dell'edificio, un cerchio che si sovrappone a un quadrato, mentre la facciata è decorata dai simboli degli evangelisti.

Il goiello di Piona. Su un piccolo promontorio proprio di fronte a Gravedona, sovrastato dal Mone Lagnone si trova l'Abbazia di Piona, uno dei simboli del Romanico Lariano. L'impianto orginario risale al VII, come conferma anche una iscrizione; nato come oratorio, poi dimenticato, e divenuto sede di monastero nel XII secolo. Eccezionale il chiostro, costruito nel XIII secolo, a pianta irregolare e colonne con capitelli decorati.

Il campanile di Ossuccio. Sulla terraferma, proprio di fronte all'isola comacina, ad Ossuccio, sorge la chiesa di S.Maria Maddalena, celebre per il suo campanile, già vicino alle forme gotiche.

Le chiese minori. Meno famose, ma altrettanto interessanti, sono alcune località minori, come Novate Vizzola, dove sorge l'oratorio di S.Fedelino. Tra i laghi della Brianza, è visitabile il battistero di Oggiono, a pianta ottagonale, coperto da una cupola di tufo. In posizione strategica a oltre 600 metri di altezza, il monastero di S.Pietro in Civate e l'oratorio di S.Giorgio su una rocca a strapiombo sul lago.

Se avete un vicino molto rumoroso, che si lascia andare a rumorosi rutti, non ditegli nulla, altrimenti rischiate una condanna per ingiuria.
La Cassazione, infatti, ha confermato la colpevolezza di un contadino che, stufo di sentire il vicino che ruttava mentre zappava il terreno, gli aveva gridato 'maiale!'. L'altro lo aveva denunciato al giudice di pace.
La condanna per ingiurie e minacce era stata confermata dal tribunale. In Cassazione il condannato si è visto poi bocciare il suo ricorso.

  1. Il troppo lavoro uccide;
  2. Si nasce stanchi e si vive per riposare;
  3. Ama il tuo letto, più di te stesso;
  4. Riposa di giorno serve per dormire la notte;
  5. Se vedi uno che riposa aiutalo;
  6. Il lavoro è fatica;
  7. Non fare oggi quello che puoi fare domani;
  8. Fai quello che puoi e quello che dovresti fare, lascialo fare agli altri;
  9. Di troppo riposo non è mai morto nessuno;
  10. Quando ti viene voglia di lavorare siediti e aspetta che ti passi;
  11. Se il lavoro è salute, evviva la malattia.

Il Garante italiano per la Privacy avrebbe preso particolarmente sul serio i recenti (e numerosi) episodi nei quali attacchi informatici hanno portato alla sottrazione di dati personali; per quanto motivo, le norme sulla protezione degli stessi sono state aggiornate.
Viene introdotto il principio dell'informazione in caso di violazioni di sistemi e database; per attacchi particolarmente gravi e conclusi con successo, gli ISP e i carriers telefonici saranno obbligati a rendere pubblico l'accaduto in modo che gli utenti possano prendere le opportune contromisure.
Le segnalazioni in caso di violazione dovranno pervenire anche al Garante, quest'ultimo deciderà se dar vita a controlli approfonditi sull'accaduto, in caso di negligenza o altre responsabilità accertate sono previste pesanti sanzioni (fino a 150 mila euro).
Le nuove norme prevedono delle multe anche per coloro che mancheranno all'obbligo di comunicazione, nel caso specifico potrebbero essere comminate sanzioni di entità compresa tra i 150 e i mille euro per ogni soggetto destinatario non informato.

Una ciminiera che emette fumo, con photoshop il fumo è diventato una scritta nel cielo "co2"

Il riscaldamento globale è dovuto alle attività umane? No. Anzi sì. "Non me lo aspettavo, ma come scienziato sento che è mio dovere lasciare che le prove cambino la mia opinione". Così parlò Richard Muller, professore di fisica a Berkeley che fa parte con una quindicina di altri scienziati, del Berkeley Earth Surface Temperature team, che studia come i cambiamenti della temperatura possano essere ricondotti alle attività umane o a eventi naturali quali eruzioni vulcaniche o attività del sole. Muller era un clima-scettico: non credeva cioè alla versione che mette d'accordo gran parte degli scienziati che vuole che le emissioni di gas a effetto serra, dovute principalmente all'uso di combustibili fossili, siano tra le cause del global warming. Cosa gli ha fatto cambiare idea?

(panorama)

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi296
Ieri2698
Settimana Scorsa10184
Mese Scorso41918
Da Gennaio 2015751643

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out