NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Martedì, 25 Novembre 2014 02:00

#Donna: Da violenza domestica a mobbing familiare facile da definire difficile da dimostrare

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

una donna vessata di fronte un uomo con il megafono

Una volta si chiamava genericamente Violenza, oggi c'è il termine più moderno di Mobbing, ma non ci convince e poco sembra essere cambiato. La sua definizione è semplice, basta riferirsi a Leymann e Gustavson, che descrivono il fenomeno come una persistente e continua svalutazione psicologica della vittima designata, mediante la messa in atto di comportamenti prepotenti, coercitivi e vessatori, finalizzati a rendere fragile e manipolabile la sua intera persona.

Il difficile è dimostrare. La vittima capisce... ma per vari motivi non riesce a spiegarsi. A volte il problema è quindi sapere riconoscere, ma anche se si è lucidi è difficile farlo in quanto la questione presenta confini sottili ed ambigui.

Ogni giorno purtroppo vengono denunciati atti di violenza familiare in concomitanza con casi di separazione o di affidamento del figlio a uno dei due coniugi, portando in certi casi a conseguenze estreme. Spesso però le cose nascono da molto prima, semplicemente con il divorzio peggiorano.

Esistono diversi tipi di Mobbing familiare. Quello coniugale consiste in attacchi e accuse, svolte in modalità sistematiche nei confronti del proprio partner, cercando di colpirlo nelle sue parti più deboli. Per riconoscerlo dovranno essere presenti ad esempio tentativi di sminuire il suo ruolo nell'ambito familiare, continue provocazioni anche senza motivo, pressioni affinché il coniuge lasci il tetto coniugale o la gestione economica nelle mani del mobber, ma anche imposizioni della propria persona in tutte le sfere della normale vita quotidiana, che si trasforma in una gara perenne.

Il Mobbing familiare vero e proprio invece si attua solitamente dopo un divorzio o un allontanamento del coniuge, e rispetto al primo, si differenzia notevolmente, poiché oltre alle prevaricazioni sulla singola persona, vengono coinvolti anche i figli. Si potranno ritrovare facilmente delle modalità comportamentali quali prese di posizione per delegittimare il partner con il fine di sminuirlo agli occhi del figlio, così come veri e propri "sabotaggi" atti ad impedirne la frequentazione, spesso associando minacce.

Lo scopo di queste pratiche è ottenere una sorta di rivendicazione interrompendo in via permanente il legame tra il figlio e la parte lesa, facendolo magari subdolamente ad arrivare alla decisione di optare per una separazione consensuale, pur di chiudere una volta per tutte le dinamiche estenuanti e fortemente conflittuali alle quali è esposto continuamente, uscendo di conseguenza da uno stato di tensione e pressione perenne.

Come per gli altri tipi di Mobbing, anche quello familiare, specie se perpetuato per lunghi periodi, può portare a danni nella sfera psicofisica della persona, che possono sfociare in una seria sindrome ansioso-depressiva o in un disturbo post-traumatico da stress, con i sintomi caratteristici di angoscia, senso di inefficacia, diminuzione dell'autostima, disturbi a livello gastrointestinale, del sonno e sessuali, che non di rado diventano così limitanti da richiedere un intervento farmacologico e psicoterapico specifico. Tutto questo senza pensare alle conseguenze sui figli.

La violenza domestica va declinata nei suoi vari aspetti, perché molto spesso chi la subisce fa fatica a riconoscerla. Quando si ripete ciclicamente nel tempo assume le connotazioni del maltrattamento. In questa parola sono racchiusi i seguenti tipi di violenza:

  • violenza sessuale (stupro, tentato stupro, molestie);
  • violenza fisica, (botte, ferite, omicidio);
  • violenza psicologica e verbale (minacce, ricatti, denigrazioni, svalutazioni);
  • violenza economica (privazione di fondi e risorse).

La violenza domestica è strettamente correlata allo sviluppo di un Disturbo Post Traumatico da Stress in chi la subisce.

Uscire da situazioni di violenza è molto complesso, anche perché gran parte delle energie sono coinvolte nel tentativo di far fronte all'emergenza quotidiana e la sensazione diffusa è che non ci sia alcuna possibilità che le cose cambino e che se esiste il problema è anche colpa propria.

NON È VERO!

Ci sono molte possibilità e molte persone che possono aiutare una persona a uscire da questo problema

Cosa Fare contro la violenza domestica:

  1. Fare spazio alla certezza che si è una vittima e non una colpevole;
  2. Cercare un sostegno psicologico;
  3. Rivolgersi ai centri antiviolenza.

Continua a leggere per i dettagli...


Letto 6301 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Novembre 2019 07:25
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi88
Ieri1792
Settimana Scorsa11065
Mese Scorso43991
Da Gennaio 20151691602

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out