NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Mercoledì, 01 Agosto 2012 02:00

Manca poco allo sbarco sul pianeta rosso della missione robotica NASA. Ma dopo Curiosity, l'agenzia americana guarda piuttosto alle missioni umane, a scapito della ricerca di forme di vita

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una rappresentazione artistica di Curiosity sul suolo marziano (NASA/JPL)Abbiamo quasi perso il conto di quante missioni il pianeta Terra ha inviato verso il pianeta Marte. Forse una quarantina, tra russe, americane, europee e giapponesi. Circa la metà sono fallite, con un tasso di fallimento che, sorprendentemente, non diminuisce molto col tempo. Indice, forse, che le missioni sono sempre più ambiziose e quindi sempre più complesse. Meno della metà di quelle coronate da successo ha avuto una fase più o meno fortunata di "ammartaggio". A partire dal primo, quello russo del 1971, sul suolo marziano è finita quasi una decina di tonnellate di ferraglia terrestre (e speriamo che fosse sterile davvero...).

Adesso siamo in attesa della delicata fase finale della missione NASA Curiosity, la più ambiziosa: lunedì 6 agosto scenderà su Marte un rover da quasi una tonnellata: grande, appunto, come una Land Rover, per un costo di almeno due miliardi e mezzo. Tutti si aspettano grandi cose da Curiosity, ma la NASA mette le mani avanti: non ha a bordo strumenti capaci di cercare la vita su Marte, solo di capire se ci potrebbe essere. E qui c'è il buco, grande come una casa, del programma di esplorazione robotica planetaria NASA: ma perché, dai tempi dei due gloriosi Viking voluti da Carl Sagan nel 1977-1978, non si è più tentato un vero esperimento di ricerca della vita?

(media.inaf.it)

Letto 1448 volte Ultima modifica il Martedì, 31 Luglio 2012 23:10
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi605
Ieri1611
Settimana Scorsa11065
Mese Scorso34389
Da Gennaio 20151684688

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out