NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Giovedì, 06 Marzo 2014 07:56

#Medicina: maximulta a Roche e Novartis accordo per ostacolare la vendita farmaco Avastin

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

un primo piano una confezione di avastin 100 mg - 25 mg/ml la scatola dietro la boccetta avanti marca Genentech

La procura di Roma apre un fascicolo senza ipotesi di reato e senza indagati. La vicenda è quella di Roche e Novartis, sanzionati dall’Antitrust per “un cartello che ha condizionato le vendite dei principali prodotti destinati alla cura della vista, Avastin e Lucentis”.

Al centro delle indagini la verifica dell'eventuale messa a punto di una campagna artificiosa diretta a sminuire l'efficacia del farmaco Avastin. In questo caso potrebbero configurarsi le ipotesi di reato di aggiotaggio e di turbativa del mercato. Gli inquirenti chiederanno all'Antitrust di acquisire la documentazione dalla quale è scaturita la megasanzione da 180 milioni di euro.

L'Antitrust ha infatti sanzionato Roche e Novartis per «un cartello che ha condizionato le vendite dei principali prodotti destinati alla cura della vista, Avastin e Lucentis», a oltre 180 milioni di euro di multa.

Si legge sul sito dell'Autorità:

I due gruppi si sono accordati illecitamente per ostacolare la diffusione dell'uso di un farmaco molto economico, Avastin, nella cura della più diffusa patologia della vista tra gli anziani e di altre gravi malattie oculistiche, a vantaggio di un prodotto molto più costoso, Lucentis, differenziando artificiosamente i due prodotti.

Per il Sistema Sanitario Nazionale, l'intesa ha comportato un esborso aggiuntivo stimato in oltre 45 milioni di euro nel solo 2012, con possibili maggiori costi futuri fino a oltre 600 milioni di euro l'anno. Dalla documentazione acquisita, anche grazie alla collaborazione del Gruppo Antitrust del Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza, è emerso che le capogruppo Roche e Novartis, anche attraverso le filiali italiane, hanno concertato sin dal 2011 una differenziazione artificiosa dei farmaci Avastin e Lucentis, presentando il primo come più pericoloso del secondo e condizionando così le scelte di medici e servizi sanitari.

Secondo il provvedimento dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, le condotte delle imprese trovano la loro spiegazione economica nei rapporti tra i gruppi Roche e Novartis: Roche, infatti, ha interesse ad aumentare le vendite di Lucentis perché attraverso la sua controllata Genentech - che ha sviluppato entrambi i farmaci - ottiene su di esse rilevanti royalties da Novartis.

Quest'ultima, dal canto suo, oltre a guadagnare dall'incremento delle vendite di Lucentis, detiene una rilevante partecipazione in Roche, superiore al 30%. Non è stata invece ritenuta responsabile dell'illecito la controllata di Roche, la società californiana Genentech. In considerazione della particolare gravità dell'illecito, l'Autorità ha comminato al gruppo Novartis una sanzione di 92 milioni di euro e al gruppo Roche una sanzione di 90,5 milioni di euro, per un totale di oltre 180 milioni di euro.

Letto 1768 volte Ultima modifica il Giovedì, 06 Marzo 2014 08:33
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi95
Ieri991
Settimana Scorsa7812
Mese Scorso36813
Da Gennaio 20151633836

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out