NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Martedì, 25 Luglio 2017 02:00

Nuova tegola per la #sigaretta elettronica: è cancerogena e non toglie il vizio di #fumare

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

una donna che fuma una e-cig

Terremoto per le sigarette elettroniche, contengono metalli tossici e cancerogeni. Secondo un'analisi effettuata da un settimanale partenopeo in collaborazione con il dipartimento di Farmacia dell'Università Federico II di Napoli, le blasonate sigarette elettroniche contengono piombo, cadmio, cromo e arsenico che sarebbero presenti nei sei liquidi per e-cig.

Metalli tossici, ma soprattutto cancerogeni, abitano la tanto di moda sigaretta che, a questo punto, si pone ancor più al centro della discussione ad avvalorare anche il tacito divieto di utilizzo per i minori stabilito dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dal Ministero per la salute.

Questi valori, dichiarati semplicemente "elevati, in special modo in un campione nel quale la concentrazione di arsenico sarebbe più elevata di quella ammessa per l'acqua potabile", passeranno a breve al vaglio delle autorità competenti.

La legge tutela la salute attraverso l'individuazione di limiti precisi alla concentrazione e le dosi giornaliere ammissibili dal nostro organismo per i metalli pesanti in cibo, acqua e perfino negli aromi alimentari, ma per le sigarette elettroniche non esistono ancora limiti normativi ai metalli pesanti.

Sarà il caso di interrogarsi sul loro utilizzo considerando anche la lotta (spesso tramutata in sabotaggio) che la stessa Oms sta portando avanti additando la sigaretta elettronica di tentare di sabotare le campagne antifumo internazionali?

Va precisato che gli studi sulla sigaretta elettronica (dei quali, sostiene l'Oft, circa il 20% sarebbero legati ad interessi privati e l'82% indipendenti) si concentrano sugli effetti sulla salute a breve e medio termine e non offrono relazione alcuna sulle conseguenze nel lungo periodo. Nel 2011, ad esempio, uno studio pubblicato su una rivista di politica sanitaria assicurava che le sigarette elettroniche comportano pochi o nessun rischio; dato contrastante con quello della Food and Drug Administration che mette in guardia dalla presenza di composti tossici. Insomma avere un quadro chiaro sulla questione è improbabile nell'immediato anche perché, come già anticipato, l'Organizzazione mondiale della Sanità ha dichiarato che la sigaretta elettronica non può essere considerata come una terapia per aiutare i fumatori a smettere.

Intanto, entro fine mese, scatterà l'ordinanza del ministero della Salute sulle sigarette elettroniche che, tenendo conto del recente parere del Consiglio superiore di sanità, vieterebbero l'utilizzo ai minori (di conseguenza nelle scuole), lo sconsiglierebbero alle donne in gravidanza e a quelle che allattano.

Letto 3009 volte Ultima modifica il Lunedì, 24 Luglio 2017 21:55
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi45
Ieri1275
Settimana Scorsa9264
Mese Scorso25363
Da Gennaio 20151019213

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out