NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Medicina & Salute

Medicina & Salute

La comunicazione della salute promuove la salute stessa. La prevenzione è l'insieme di interventi finalizzati ad impedire o ridurre il rischio (ossia la probabilità) che si verifichino eventi non desiderati ovvero ad abbatterne o attutirne gli effetti in termini di morbosità, disabilità e mortalità.

Guardare alla persona come centro dell'intervento di prevenzione, significa saperla leggere nel contesto in cui si trova, collocandola in una situazione dinamica di relazioni con le altre persone, ma anche con agenti biologici, chimici e fisici presenti nell'ambiente, e con le strutture abitative, ricreative, lavorative frequentate.Secondo una tale visione, la prevenzione non può dunque pensare a singoli interventi che riguardano la singola persona, ma deve mirare, nella strategia complessiva, a far sì che tutto quanto circonda e, in certa misura, compenetra la persona, possa concorrere al suo benessere.

Questo significa saper collocare ogni singola azione in un contesto complessivo, del quale si ha piena padronanza (attraverso gli indicatori epidemiologici), rispetto al quale si definiscono gli obiettivi (scegliendo le priorità verso cui indirizzare le risorse in base a criteri dichiarati) e nel quale si mettono in atto le azioni adeguate (sulla base delle evidenze di efficacia). La prevenzione collettiva prevede, dunque, interventi finalizzati ad affrontare problematiche sanitarie di rilievo quali-quantitativo, con interventi rivolti sia alla persona (come screening, vaccinazioni, educazione sanitaria), sia agli ambienti di vita e di lavoro (come controlli nel settore alimentare, delle acque potabili, prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali).

Questa rubrica è dedicata alla Medicina, Salute e Benessere. Vengono affrontati temi di medicina per fornire informazioni sui vari aspetti della salute, alla prevenzione, dai sintomi delle malattie più diffuse alle possibili cure, dagli interventi di chirurgia estetica ai problemi psicologici.

Le informazioni contenute in questo rubrica non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Vannoni presidente di Stamina Foundation ad una manifestazione

L’ultima puntata della serie la “Stamina” inizia con una lettera/appello che un autorevole personalità, il direttore del Laboratorio di cellule staminali alla Sapienza di Roma, Paolo Bianco, ha inviato attraverso un giornale, al ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

L’appello parte dalla considerazione che il Tar della Regione Lazio ha recentemente accolto il ricorso del presidente della Fondazione Stamina, Davide Vannoni, contro la Commissione Scientifica nominata dal ministro ai fini di valutare il metodo Stamina.

Bianco nel suo appello scrive che da un lato i rilievi emersi dalla Commissione e, dall’altro, il metodo da utilizzare siano a tutt’oggi “segreti” in quanto il ministro è obbligato ad un “contratto di riservatezza”.

Secondo Bianco questi accordi di riservatezza non possono vincolare il ministro per varie ragioni.

Camera ospedaliera vuota

Tante persone rinunciano alle cure ospedaliere tra cui anche le cure dentarie, spesso intere famiglie.
I dati indicano 5,5milioni di nuclei familiari che hanno rimandato a qualche tipo di cura medica e 4,7milioni di persone che hanno invece rinunciato a visite specialistiche.
Nell’undicesimo Rapporto Aiop Ospedali e Salute leggiamo, che viste le gravi difficoltà economiche, gli italiani non possono permettersi le cure mediche.

Una signorina presenta "la pillola" in questione

Spesso si confronta la sanità Italiana con quella degli Stati Uniti, se ne sente di tutti i colori. Per esempio uno stereotipo recita che negli USA i poveri vengono lasciati morire. Recentemente è in voga l'opinione che la sanità migliore al mondo è quella Italiana, tanto che Obama in persona è venuto a "imparare" come "diavolo facciamo".
Quando si parla però di sanità, come abbiamo già avuto modo di provare, a volte un certo "migliore" non è il migliore giusto. Per esempio ogni italiano che può spendere, con la sanità "migliore" in casa, volo negli USA per farsi curare.
Per raccontarvi la nostra verità, vi informiamo di una nuova cura per l'epatite C.

I farmaci equivalenti contengono lo stesso principio attivi: i soldi

Il prezzo del farmaco equivalente in questione è sensibilmente inferiore a quello del farmaco di marca, ma curare un paziente con il primo costa di più. Sembra un paradosso, ma non lo è. Il farmaco è la levotiroxina, largamente utilizzato nelle malattie della tiroide, il cui brevetto è scaduto ed è pertanto diventato di “libera” produzione.
A portare il caso all’attenzione dell’opinione pubblica sono stati, con un documento congiunto, gli specialisti del settore, in occasione del congresso dell’Associazione italiana della tiroide (Ait), a Roma dal 5 al 7 dicembre.

La prevenzione comincia da piccoli una bambina viene visitata dall'endocrinologo

Aperto ieri a Roma il VII congresso nazionale dell’Associazione italiana della tiroide (Ait). Le malattie della tiroide sono in aumento, ma se diagnosticate nella fase iniziale possono essere trattate con successoUn controllo specialistico e un esame del sangue possono prevenire le importanti complicanze cardiovascolari, ossee e metaboliche che anche una lieve disfunzione tiroidea, se non riconosciuta e adeguatamente trattata, può determinare.

Il Professor Vannoni fotografato a Verissimo la trasmissione di Mediaset

Il Tar del Lazio ha dato ragione al presidente di Stamina, Davide Vannoni. Gli esperti del Comitato del ministero della Salute che ha bocciato il metodo di cura sono stati ritenuti di parte, ed ora il dicastero nominerà una nuova commissione per una nuova valutazione del protocollo. Esultano le associazioni dei malati, che parlano di "una notizia meravigliosa che dà speranza". Il ministero della Salute spiega che si tratta di una sospensione in attesa di una valutazione nel merito che sarà effettuata dallo stesso TAR a giugno. Sulla vicenda è intervenuta il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin:

Ho voluto attivare immediatamente le procedure per il nuovo Comitato perché ritengo che in questa vicenda non si possano lasciare i malati e le famiglie nel dubbio.

Ma facciamo un po’ di chiarezza, cercando di essere imparziali “quantum humana opera fieri potest” - giusto perché si parla ma non si ripete -quanto necessario- i punti fondamentali.

Insalata di frutta e verdura

Sta spopolando negli USA una nuova dieta dimagrante ribattezzata con il nome di dieta di Dio o del creatore oppure anche digiuno di Daniel. La dieta si ispira all’Antico Testamento e propone un regime alimentare del tutto vegetariano. È piuttosto rigida, va fatta per 21 giorni ed è attualmente seguitissima da centinaia di migliaia di persone.

Barattolo di vetro con olive in primo piano

Allarme botulino dalla Regione Lazio dopo che l’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna ha rinvenuto tossine botuliniche in un barattolo di olive dolci nere da 400 gr, marchio «Bel Colle» lotto L 95-13, scadenza 25/12/2013, confezionato nello stabilimento di Fiano Romano (Roma). Si avverte chi fosse in possesso di tale prodotto di non consumarlo e restituirlo al punto vendita dove è stato acquistato.


L’allergia alle fragole è determinata da alcune proteine che troviamo al suo interno. Chi ne è affetto sviluppa reazioni immunitarie esagerate che vanno dall’intorpidimento / formicolio della bocca a bruciori, angoscia intestinale e difficoltà di respirazione.

Ma le fragole hanno al loro interno anche sostanze antiallergiche, secondo uno studio giapponese condotto dall’Università Kyushu, potrebbero aiutare in caso di dermatiti ed eczemi. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Functional Foods.

Dallo schermo del computer esce una mano con un effetto ottico e porge delle medicine ad una giovane donna bionda, meno male che il monitor non è piatto

Tempi duri per Farmacisti e Medici di Base: I primi, tra i robot con lo scivolo a spirale e persino le signore anziane che gli rispondono ho già guardato su internet - grazie, tra poco rischieranno il lavoro; I secondi, che invece, cominciano a lamentare piccole contestazioni. Poco tempo fa si diceva l’ha detto la TV ora invece lo dice Internet. Ma il problema non è cambiato, è sempre “chi lo dice”, sui libri c’era un buon filtro, sulla TV il filtro si è allentato, su internet può scrivere chiunque e persino quello che gli pare.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi185
Ieri813
Settimana Scorsa6169
Mese Scorso26816
Da Gennaio 20151230786

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out