NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Venerdì, 15 Novembre 2013 08:26

#Salute: La #depressione accelera invecchiamento biologico

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Quadro moderno astratto rappresenta la depressione con tanti occhi tristi e piangenti in un effetto di specchio che si frantuma

Secondo una recente ricerca il disturbo depressivo ha una relazione attiva e diretta con l’invecchiamento cellulare. I telomeri risultano più corti nella persona depressa, rispetto a chi non soffre il disturbo.

Sulla rivista “Molecular Psychiatry” è stato pubblicato uno studio effettuato dalla Vu University Medical Center, che è l'ospedale universitario affiliato con la VU University Amsterdam, nel quale è dimostrato che i pazienti con disturbo depressivo importante (mayor depressive disturb, MDD) hanno un aumentato rischio di insorgenza di malattie somatiche legate all'invecchiamento come le malattie cardiache, il diabete, l'obesità e il cancro.

Questo fenomeno è stato verificato misurandolo attraverso il controllo dell’accorciamento progressivo dei telomeri, che è direttamente legato all'invecchiamento.
Nei soggetti normali si verifica una perdita fra le 14 e le 29 coppie di basi del Dna che ne misurano la lunghezza, mentre nei soggetti depressi la perdita arriva anche a 83- 84.

Tutto ciò ha suggerito ai ricercatori che ci potesse essere un meccanismo biologico di invecchiamento che nel soggetto depresso è accelerato. Circostanza confermata dallo studio olandese sulla depressione e l’ansia che ha coinvolto 1095 pazienti affetti da MDD, 802 pazienti dimessi e 510 soggetti ancora sotto controllo.

Nel passato una serie di studi aveva evidenziato la correlazione tra la depressione e le malattie come il cancro, il diabete, l’obesità e le malattie cardiocircolatorie, ed il sospetto era che la depressione lasciava un segno permanente verificabile dall’accorciamento dei telomeri.

La coordinatrice della ricerca Josine Verhoeven e i suoi colleghi hanno analizzato più di 2400 persone, che per un terzo erano depresse, per un altro terzo lo erano state in passato oltre a 33 che in piena salute.

Ai partecipanti allo studio è stato richiesto di donare un campione di sangue da analizzare in laboratorio per lo studio dei segni di invecchiamento cellulare. 
Effettivamente le persone che erano, o erano state, depresse avevano telomeri molto più corti rispetto a quelli che non avevano mai sperimentato questo disturbo psichico.

Questo ampio studio fornisce prove convincenti che la depressione è associata a diversi anni di invecchiamento biologico.

- ha detto la dott.ssa Joasine, anche se non è ancora chiaro se questo processo di invecchiamento sia dannoso e se possa essere invertito.

Letto 2108 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Novembre 2013 08:37
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi357
Ieri1593
Settimana Scorsa11065
Mese Scorso43991
Da Gennaio 20151693464

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out