NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

Oggi è un giorno diverso dagli altri, a partire da questa mattina: mi sono svegliata male, senza il cinguettio degli uccellini sul pioppo davanti alla finestra della mia camera.

Sorridi sempre,
anche se è un sorriso triste,

perché più triste di un sorriso triste
c'è la tristezza di non saper sorridere

 

Il coraggio
non è l’assenza della paura,

ma è considerare
-che c’è qualcosa di più importante-
della paura.

La virtù
del sacrificio e dell'amore


non ha limiti
 nel cuore della donna. 

Jolanda di Filastrocche.it http://jolanda.filastrocche.it

Questa è la mitica sigla di Filastrocche.it! Puoi ascoltarla direttamente dalla voce di Matilde e cantarla insieme a lei leggendo le parole che trovi in leggi tutto. La vita è musica! Musica di Paolo Baltaro - Testo di Jolanda Restano

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni 
giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non 
rischia e cambia
colore dei vestiti,
chi non parla a chi
non conosce.


Muore lentamente
chi evita una passione,
chi preferisce il nero su 
bianco
e i puntini sulle i
piuttosto
che un insieme di emozioni,

proprio quelle
che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno
di uno 
sbadiglio
un sorriso,
quelle che fanno
battere il cuore
davanti 
all'errore
e ai sentimenti.


Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul 
lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza,
per inseguire un 
sogno,
chi non si permette
-almeno una volta-
nella vita
di fuggire
ai 
consigli sensati.

Lentamente muore
chi non viaggia,
chi non legge,
chi

non ascolta musica,
chi
non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente

chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i 
giorni a lamentarsi

della propria sfortuna
o della pioggia incessante.


Lentamente muore
chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non 
fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa
che conosce.


Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre
che essere vivo

richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza
porterà
al raggiungimento di una splendida

felicità.

M come memoria. La memoria nella teoria sociale - Curatori Curatore: Grande & Affuso - edito da LiguoriDescrizione
Attraverso le voci di autori classici e contemporanei, il volume riflette su alcune questioni utili a definire la memoria nella teoria sociale. I vari saggi affrontano problemi come: il ruolo delle pratiche collettive e sociali nella formazione e trasmissione della memoria, i processi di selezione e di interpretazione che la riguardano, la sua portata critica, la cultura del ricordo e i rapporti tra memoria e mezzi di comunicazione.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi80
Ieri1147
Settimana Scorsa7563
Mese Scorso30186
Da Gennaio 2015 (2.0)2019925

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out