NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Giovedì, 15 Novembre 2012 01:00

Caffè da paradiso, ma solo per l’export

Scritto da  Lorenzo Cairoli
Vota questo articolo
(0 Voti)

Caffè da paradiso, ma solo per l’export

La Colombia produce alcune fra le migliori qualità del mondo, ma quel che si beve nel paese è pessimo, anche nell'Eje Cafetero, dove ci sono le varietà più esclusive.

Caffè e espressi oramai li fanno dappertutto. Spesso però ti rifilano espressi che non sono espressi.

A Budapest prima di bere un espresso degno di questo nome ci si deve svenare. Occorre diventare il client 10 delle caffetterie magiare, lo Spitzer dei bar più pretenziosi di Vatci Utca, spendere in espressi in Ungheria quello che il governatore ha dissipato in squillo di lusso in una vita intera. Stessa storia ad Amsterdam, Copenaghen, Nairobi, Toronto, Madrid, Atene, Los Angeles, Lione. Con un'eccezione, Helsinki. Mezzo milione di pallidissimi cristiani, primatisti europei nel consumo di caffè. Il loro caffè, tra un pasticcino e una mancia, costa come un tascabile della Einaudi ma è dolce, floreale, servito in locations bellissime, con una civiltà e una competenza che certo non ti aspetti in un paese che tutto il mondo conosce solo per le renne e i cellulari della Nokia.

Continua su la Stampa...

Letto 5817 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi102
Ieri857
Settimana Scorsa5741
Mese Scorso28147
Da Gennaio 2015 (2.0)1942873

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out