NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

Buona #Epifania a tutti voi !!! A proposito ne conosci #etimologia e #significato?

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Voto)
i re magi rendono omaggio a Gesù Bambino
"The Magi"  Harry Siddons Mowbray (1915) - Olio su tela montata su cartone - Custodito allo Smithsonian American Art Museum (United States).

Buona Epifania !!!

Cosa c’entra la Befana con l’Epifania?
Segui il percorso per scoprirlo.

Epifànìa

dal greco epifàino (che significa “mi rendo manifesto”);
da cui epifàneia (che può significare manifestazione, apparizione, venuta, “presenza divina”);
in latino epiphania.

Epifania assume un significato religioso per questa festività, infatti è detta meglio «Epifania del Signore». Questa è una festa cristiana celebrata il 6 gennaio (cioè dodici giorni dopo il Natale). Nei Paesi in cui non è festività civile, viene spostata alla domenica tra il 2 e l’8 gennaio. L’Epifania è considerata dalla Chiesa cattolica una delle massime ricorrenze solenni celebrate, assieme alla Pasqua, il Natale, la Pentecoste e l'Ascensione.
È festa di precetto.

Befànìa

corruzione lessicale di epifania attraverso bifanìa come leggiamo nei testi antichi:

A noi vale, giorno festivo, la cui solennità si celebra a’ 6 di Gennaio, per l’apparizion della stella a’ Magi: e dicesi per vocabolo corrotto, Befania.

Befania assume invece un significato laico per la festività dell’Epifania.

Befana

da Befania diciamo Befana come leggiamo nei testi antichi:

Passò di questa vita il presente giorno, dopo la befanìa e da questa diciamo Befana, a un fantoccio di cenci, che, in tal giorno, pongono, per ischerzo i fanciulli e le femmine alle finestre. Il dì di befania vo’ porger befana alla finestra, perché qualcun le dia d’una balestra.

Un tempo alle finestre o nelle verande senza vetri venivano poste queste figure che simulavano la presenza di una donna, che alla sera al buio ingannavano gli avventori. Questi scherzi generavano rabbia che sfociava in un colpo di balestra. In seguito le befane si ridussero di dimensione e questo divenne un gioco d’abilità.

E da befana a donna brutta o contraffatta: “Oride il Beffardo”.

Beffa

da Befana attraverso un processo onomatopeico nasce la radice beffa.

Azione diretta a deludere clamorosamente o a schernire qualcuno in seno a una comunità: farsi beffa di qualcuno. Anche in modo figurato: è stata una beffa del destino!
Si dice anche: "Restare col danno e con le beffa" per dire danneggiato e deriso.

Da qui il verbo beffare cioè colpire con una beffa, deridere, mettere in ridicolo; e beffarsi cioè prendersi gioco, ostentare disprezzo o disinteresse: beffarsi dei superiori.

Letto 2501 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi120
Ieri972
Settimana Scorsa6193
Mese Scorso30462
Da Gennaio 2015 (2.0)1923190

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out