NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Sabato, 17 Novembre 2012 01:00

La Signora Elena e i 16 anni… di una volta

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Voto)

La Signora Elena e i 16 anni… di una volta

Questo è il 76° "racconto breve" scritto dal 2 settembre 2012. Il "progetto-sfida" è di scrivere 365 racconti in 365 giorni (uno al giorno). Riuscirà, il sottoscritto, a raggiungere tale traguardo? Vedremo... "Se son rose fioriranno".

Il Supermercato è "anche" il luogo dove le "chiacchiere" abbondano. Essendoci, poi, il tavolino del caffè, diventa il luogo e l'occasione giusta per fare quattro chiacchiere sui "fatti di attualità". Il mondo del lavoro è ... in ebollizione. I giovani si lamentano perché non trovano il posto di lavoro ... l'Europa tutta è attraversata da un malessere di cui nessuno (attualmente) conosce gli sbocchi. L'argomento è l'occasione... per riandare "al passato", a quando in Italia c'erano molte fabbriche (anche a Pavia). Allora... non erano i giovani a cercare lavoro... ma il "datori di lavoro" ha cercare il "miglior personale" sulla piazza.

La Signora Elena (Classe 1945), ieri ha voluto, raccontare la sua avventura lavorativa. Ecco la descrizione. "Era il 5 giugno 1961. Il giorno in cui venivano esposti i voti all'Istituto Commerciale. Allora avevo 16 anni (Commerciali più due anni di Tecnica)... e non mi sembrava vero di aver ottenuto un così alto punteggio nei voti. Insieme a noi ragazzi e ragazze, "a vedere i voti", venivano anche i Datori di lavoro. E quel giorno stesso sono stata contatta da un Signore distinto che, si è poi rivelato essere proprietario di una fabbrica. Allora, era tanta la foga di lavorare che le famiglie si preoccupavano di avere pronto il "libretto di lavoro" (che adesso non c'è più). Mia madre, infatti, aveva già provveduto a tutto. Quando il Signore distinto si rivolse a mia madre c'era già tutto pronto ... Dal giorno dopo l'esposizione dei voti, ero già al lavoro come impiegata amministrativa. Da quel giorno è stata tutta una corsa... in salita (lavoro e corsi di aggiornamento). Il lavoro non è mai mancato... Sono andata in pensione dopo 40 anni di lavoro senza aver mai fatto un giorno di malattia (per fortuna mia)... Oggi, non mi sembra vero. Tutti quegli anni di corsa... ma sono contenta così. Lavorando mi sono sentita viva e partecipe di un grande sviluppo.

Oggi, la situazione è cambiata. In questi anni, c'è stata, invece, una "corsa" affannosa all'Università... al Titolo di Studio, al "Dott" davanti al nome. Qualche giorno fa, la mia amica Cleofe, mi diceva che sua figlia, dopo aver conseguito con un buon voto, la Laurea (...e non aver trovato alcun posto di lavoro) ha deciso di fare domanda alla Direzione di alcuni Supermercati, come cassiera. La domanda non è stata accolta. "Qualifica troppo elevata per un posto di cassiera". Allora, dico io, anziché illudere i giovani con "sbocchi lavorativi inesistenti"... non sarebbe meglio ripensare al modello di sviluppo e... da quale parte sta andando questa società...

- fine-

Letto 1880 volte Ultima modifica il Domenica, 18 Novembre 2012 05:44
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi98
Ieri1098
Settimana Scorsa7563
Mese Scorso30186
Da Gennaio 2015 (2.0)2017458

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out