NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Venerdì, 07 Agosto 2015 02:00

I pomodori stressati fanno bene alla nostra salute

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

I pomodori stressati fanno bene alla nostra salute

Finalmente uno studio: i pomodori bio conterrebbero un livello di vitamina C del 55% più elevato dei pari in regime convenzionale. Ancor più marcata la differenza sui fenoli, i pomodori organici ne contengono il 139% in più.

Uno studio brasiliano mette in correlazione il contenuto più elevato di componenti salutistiche nei pomodori con il regime di stress subito dalle piante durante la coltivazione.

In particolare sarebbero solo alcune componenti a registrare un incremento significativo, anche se, spesso, la differenza è notabile anche ad occhio nudo visto che il peso degli ortaggi coltivati in agricoltura convenzionale sarebbe superiore del 40% agli analoghi biologici.

Piccoli ma ricchi di sostanze salutari, come il licopene che ha mostrato portare una riduzione dei marcatori di stress ossidativo e di cancerogenesi in soggetti sani e pazienti diabetici di tipo II. I meccanismi di azione riguardano la protezione delle lipoproteine plasmatiche, il Dna dei linfociti e le proteine del siero contro il danno ossidativo, e gli effetti antitumorali, tra cui la riduzione di antigene prostatico specifico.

Tra tutti i fattori che sembrano efficaci nel migliorare le concentrazioni di sostanze fitochimiche di frutta e verdura, lo stress emerge come particolarmente promettente.

L'ipotesi che lo stress ossidativo è coinvolto nel miglioramento delle concentrazioni di sostanze fitochimiche di frutta e verdura da agricoltura biologica raramente è stato però testato.

Il lavoro brasiliano, dunque, ha messo a confronto non solo le concentrazioni di composti che contribuiscono alla qualità di frutta da agricoltura biologica e convenzionale, ma anche attraverso la misurazione degli indicatori di stress ossidativo, vale a dire le attività di enzimi antiossidanti, superossido dismutasi (SOD), ascorbato perossidasi (APX) e catalasi (CAT), la concentrazione di acido ascorbico (ASA) e la perossidasi lipidica della membrana cellulare (LPO).

Lo studio è stato condotto su pomodori che sono frutti climaterici, che rappresenta una fonte importante di vitamine C ed E e altre sostanze fitochimiche, come carotenoidi e polifenoli.

I pomodori biologici e convenzionali sono stati valutati in tre stadi di sviluppo: immaturo (di colore verde), fisiologicamente maturo, e nella fase di raccolta (rosso).

La crescita è stata ridotta negli ortaggi da agricoltura biologica, mentre l'acidità titolabile, il contenuto di solidi solubili e le concentrazioni di vitamina C sono stati rispettivamente più elevati del +29%, +57% e +55% nella fase di maturità commerciale.

Nello stesso momento il contenuto fenolico totale è stato del 139% superiore a quello dei pomodori provenienti da agricoltura convenzionale che sembra coerente con l'attività più di due volte superiore dell'ammoniaca liasi fenilalanina (PAL) osservato durante lo sviluppo dell'ortaggio da frutta da agricoltura biologica.

L'attività della perossidasi lipidica della membrana cellulare (LPO) è stata del 60% più alta nei pomodori biologici. Anche l'attività della SOD è stata molto più alta in caso di regime biologico. Nel loro insieme, le nostre osservazioni suggeriscono che i pomodori da agricoltura biologica abbiano reagito allo stress moderato, causato dalle condizioni di coltivazione, con un'accelerazione dell'attività ossidativa e l'accumulo di alte concentrazioni di solidi solubili, gli zuccheri e altri composti che contribuiscono alla qualità nutrizionale dell'ortaggio.

Letto 1696 volte Ultima modifica il Giovedì, 06 Agosto 2015 15:34
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi1614
Ieri1593
Settimana Scorsa11065
Mese Scorso43991
Da Gennaio 20151694721

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out