NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Venerdì, 21 Luglio 2017 02:00

Trovate in mare 230'000 specie ne mancano ancora 750'000

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Trovate in mare 230'000 specie ne mancano ancora 750'000

In tutti i mari del mondo sono state censite 230.000 specie in 25 aree studiate e 10 anni di lavoro con 360 ricercatori provenienti da 80 nazioni. Questo, in sintesi, il primo censimento del popolo degli abissi attuato dal Census of marine life «Coml». Il Mediterraneo risulta al quarto posto per  ricchezza di biodiversità ma è anche il mare che purtroppo rischia maggiormente.

Le aree con più "vita" sono quelle Giapponesi e l'Australiane, entrambe con circa 33.000 specie, seguite da quelle della Cina con 22.000 e da quelle del Mediterraneo che detiene una natura sommersa di 17.000 specie animali. Al quinto posto c'è il golfo del Messico -che però ha subito l'onda della marea nera- in cui vivono 15.000 specie. Il 70% del "profondo" blu però è ancora da scoprire. 

Per ora lo scettro dei mari va ai crostacei che costituiscono il 19% di tutte le specie trovate, seguite dai molluschi al 17%, i pesci al 12%, le alghe e i protozoi entrambe al 10%. La categoria "altri vertebrati" (in cui sono contenuti mammiferi marini, tartarughe, uccelli marini) conta per il 2%. Il pesce più "cosmopolita" è un pesce-vipera che vive nel 25% delle zone studiate, mentre le specie che si possono trovare in più zone sono le alghe e gli uccelli marini, che compiono viaggi di migliaia di chilometri. 

A proposito del nostro Mare il 7% delle specie che lo abitano sono stanziali e non si trovano da altre parti. In questa speciale classifica, il Mediterraneo viene battuto soltanto dall'Antartide con il 15%. Inoltre, proprio il Mediterraneo è risultato il mare più a rischio di perdere questa "ricchezza di biodiversità" sia per la presenza dell'uomo (l'area marina con il più alto numero di rotte commerciali) che per causa dei cambiamenti climatici.

Dal confronto con i dati storici, infine, è emerso che alcune specie hanno subito diminuzioni anche del 90%, quindi sono a rischio di estinzione.

Letto 1287 volte Ultima modifica il Venerdì, 21 Luglio 2017 08:09
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi176
Ieri976
Settimana Scorsa6904
Mese Scorso39544
Da Gennaio 2015862133

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out