NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Lunedì, 22 Maggio 2017 02:00

#Unimpresa: In 9 anni manovre per quasi 1000 mld - #Fisco italiano peggiore d'#Europa

Scritto da  Redazione
Vota questo articolo
(0 Voti)

il grafico dell'andamento dei saldi di finanza pubblica degli ultimi 20 anni

Negli ultimi 9 anni sono state varate manovre sui conti pubblici per complessivi 960 miliardi di euro. Si tratta di risorse finanziarie sparse in 52 provvedimenti normativi e 1.099 nuove voci di entrate nelle finanze statali e locali. Questi i risultati principali di una ricerca del Centro studi di Unimpresa, che ha incrociato gli effetti di tutti le misure di spesa e di entrata approvate tra il 2008 e il 2017. Secondo la ricerca, l'indebitamento netto è cresciuto di 175 miliardi, con il fisco italiano che continua a essere il peggiore d'Europa.

L'analisi dell'associazione, basata su dati della Corte dei Conti, del Tesoro e dell'Ocse, si focalizza sul confronto internazionale e in particolare sui problemi del sistema tributario italiano. L'economia sommersa in Italia è pari al 21,1% del prodotto interno lordo rispetto alla media dell'Unione europea del 14,4%. L'evasione complessiva in Italia è al 24% del pil, mentre la media europea è inferiore al 20%. In particolare, l'evasione dell'Imposta sul valore aggiunto (Iva) ha raggiunto la quota del 30,2% (sempre rispetto al pil), da confrontare col 17% della media europea. Il tasso di riscossione è pari ad appena l'1,13%, molto meno rispetto al 17,1% medio in questo caso dei Paesi Ocse.

Quanto alla pressione fiscale complessiva, continua la ricerca, tenendo conto sia del carico tributario sia di quello contributivo, il tasso in Italia raggiunge il 64,8% rispetto al 40,6% del livello medio riscontrato in Europa. Anche dal punto di vista del lavoratore, il confronto è impietoso: il cuneo fiscale è pari in Italia al 49% mentre in Ue non arriva al 39%: si tratta della differenza fra il costo del lavoro a carico dell'imprenditore e la busta paga netta. I costi della burocrazia, parametrati sugli obblighi fiscali, sono pari a 269 giorni lavorativi in Italia e a 173 giorni in media in Ue.

"Sono state fatte tante scelte sbagliate, negli ultimi anni. La crisi avrebbe dovuto rappresentare l'occasione per ridurre finalmente e definitivamente le tasse sia quelle a carico delle famiglie sia quelle a carico delle imprese" commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci. "Purtroppo - continua - tutti i governi che si sono succeduti hanno preferito insistere e spingere sulla leva fiscale, aumentando anche le voci di spesa".

Tutti i dati nell'ultimo Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei Conti...

Letto 2287 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Maggio 2017 10:06
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi176
Ieri976
Settimana Scorsa6904
Mese Scorso39544
Da Gennaio 2015862133

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out