NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Guido Di Rado

Guido Di Rado

Sono un Enologo e Sommelier
mi potete seguire su:

facebook Guido Di Rado
twitter @diradato
Google+ Guido Di Rado


L’enologo
è principalmente un esperto della disciplina e delle tecniche relative alla produzione, alla conservazione e all’invecchiamento del vino e dei prodotti derivati da uve, curando tutto il percorso di produzione, dall’impianto della vite fino all’imbottigliamento. La sua funzione principale è di garantire, sia pure tenendo conto dei diversi livelli aziendali, una qualità sempre migliore del prodotto.

L’enologo tuttavia può dirigere, amministrare e prestare la propria consulenza ad aziende, enti e consorzi vitivinicoli per la scelta della varietà e degli impianti, per il controllo degli aspetti fitosanitari e per la produzione e commercializzazione dei prodotti, compresi gli aspetti di comunicazione, marketing ed immagine; inoltre è in grado di effettuare analisi microbiologiche, enochimiche ed organolettiche sui vini.

Solo recentemente la nostra figura professionale è stata riconosciuta dalla legge (al pari di nazioni come Francia e Germania) e la sua preparazione è stata fissata a livello universitario (Diploma universitario in Viticoltura ed enologia). 
Precedentemente l’unica qualifica che indicava il tecnico del vino in Italia era quella di enotecnico, la cui preparazione avviene tramite un corso di scuola media superiore.

È per questo motivo che la dicitura corrente precisa di questo professionista è quella di enologo-enotecnico.

Il sommelier invece è un esperto in vini che presenta il prodotto al cliente ed è in grado di dare consigli sugli abbinamenti gastronomici. Spesso confuso l’assaggiatore di vini è invece l’esperto in grado di eseguire veri e propri esami sensoriali sui vini e di valutarli secondo il colore, il profumo e il sapore.
Il sommelier professionista lavora per ristoranti di alta categoria e per enoteche di elevato standard qualitativo, svolge alcune attività a diretto contatto con i clienti e altre invece organizzative all’interno del locale come l'organizzazione della cantina, pur rimanendo autonomo nell’organizzazione del suo lavoro e delle sue responsabilità.

Giovedì, 03 Marzo 2016 02:00

#Aforismi: alcune frasi sul #vino

Un tino di legno chiaro sopra un grappolo d'uva con le foglie

Aforismi sul vino

  • Se il vino non fosse una cosa importante, Gesù Cristo non gli avrebbe dedicato il suo primo miracolo! (Anonimo)
  • Il bello del vino è che, per due ore, i tuoi problemi sono di altri. (Pedro Ruiz)
  • La sola arma che tollero, è un cavatappi. (Jean Carmet)
  • Bevo per rendere gli altri interessanti. (George Jean Nathan)
  • Presto, portami un bicchiere di vino, in modo che io possa bagnare la mia mente e dire qualcosa di intelligente. (Aristofane)
  • Il vino è per l’anima ciò che l’acqua è per il corpo. (Mario Soldati)
  • Una bottiglia di vino contiene più filosofia che tutti i libri del mondo. (Louis Pasteur)
  • Il vino aggiunge un sorriso all’amicizia ed una scintilla all’amore. (Edmondo de Amicis)
  • Il vino bianco va servito assiderato. (Totò)
  • Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondo. (Ernest Hemingway)
  • Amo sulla tavola, quando si conversa, la luce di una bottiglia di intelligente vino. (Pablo Neruda)
  • I veri intenditori non bevono vino: degustano segreti. (Salvador Dalí)
descrizione sottoUna statua di Dioniso, conosciuto come Bacco dai romani, il dio della vendemmia, la vinificazione e il vino. Dioniso era importante nella cultura greca, svolgeva un ruolo importante in molte attività ed eventi sociali.

Oggi sembra che si possa fare tutto con la stampante 3D, il vino per ora no, non consiglio di fare neanche il bicchiere. Per il futuro forse sì, Star Trek sembra suggerire infatti il risequenziatore (probabilmente molecolare), non mi ci fate pensare. Anche se, poter assaggiare, vini che non esistono più, magari...

La notizia è che i ricercatori della West Chester University della Pennsylvania, studiando anfore, vasellame e scritti dell'antica Grecia hanno cercato di immaginare un antico gioco, il Kottabos, così hanno deciso di ricrearlo con una stampante 3D. Abbiamo trovato tanti articoli al riguardo, ma pochissimi hanno veramente capito l'esperimento che invece vi spieghiamo noi in esclusiva.

Prendiamo spunto da questa notizia del dailymail vedremo assieme come funzionava questo gioco con il vino, in cosa è consistito l'esperimento e conosceremo il vino odierno che ha il nome di questo gioco, un bianco ed un rosso.

vino rosso mentre versa in un calice

Bere un paio di bicchieri di vino rosso ha un effetto protettivo contro lo stress ed effetti benefici sulla salute. Il beneficio si deve al resveratrolo che attiva una maggiore risposta allo stress e la riparazione del Dna. I meccanismi sono stati svelati da un gruppo di ricercatori coordinati da Mathew Sajish dello Scripp Institute, in uno studio pubblicato sulla rivista Nature.

Martedì, 09 Dicembre 2014 02:00

#Vino: Il Sommelier

Guido di Rado in un locale per una dimostrazione sta versando un vino, si vedono tre bicchieri di vini diversi

Quella del sommelier è una professione molto dinamica, in continua evoluzione e che richiede aggiornamenti costanti, ma offre un notevole sbocco di lavoro. Le donne, anche se al momento sono solo il 25%, risultano molto brave in questa professione perché hanno dimostrato di avere un palato particolarmente sensibile e una fantasia maggiore.

L'intrusione e la diffusione del termine sommelier sono stati determinati dalla forza acquisita dalla grandeur francese, in grado di costruire e spingere appellativi tecnici nel mondo come nessuna altra nazione. In questo caso parliamo della figura del professionista del servizio del vino, precedentemente in Italia "Coppiere" o "Bottigliere".

due calici di vino ambrato

Vini Orange? Sì, avete capito bene vini Orange!

Proprio come ai sapori dolce, salato, acido e amaro si è unito il quinto gusto, l’umami, così ai tre colori del vino, bianco, rosso e rosè, si è unito il quarto membro: l'orange. È uno stile di vini nuovo, con il quale gli anglosassoni per praticità hanno etichettato i vini prodotti da uve bianche attraverso la macerazione prolungata. Il mosto in fermentazione rimane a lungo in contatto con le bucce dei chicchi, traendo da esse i tannini e il colore arancione dorato con tendenze all'ambra. Tanto che in alcuni paesi, in particolare la Georgia, in vini orange vengono denominati ambrati. È lo stesso procedimento di vinificazione dei vini rossi, un tempo usato anche per i bianchi e oggi ripreso da alcuni produttori stanno riprendendo le vecchie tradizioni. La percezione dei sapori è ampia, complessa. Va dall'intensità tannica con gli aromi primari dell'uva alla frutta matura e secca con note erbacee e fragranti.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi1617
Ieri1593
Settimana Scorsa11065
Mese Scorso43991
Da Gennaio 20151694724

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out