NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Parole straniere

Parole straniere

Anglicismi, Francesismi, Ispanismi e i più rari Germanismi i prestiti linguistici e cioè l'assimilazione di elementi, di solito lessicali, da un'altra comunità, sono un fenomeno che accompagna lo sviluppo della società umana nella storia. Idee nuove e cose nuove esigono parole nuove; ed è naturale che una comunità che porta idee e cose nuove le trasmetta ai popoli con cui viene in contatto, insieme alle parole a esse collegate.
La storia è ricca di esempi. Basterà ricordare la quantità di parole greche assimilate dal latino; il numero dei vocaboli germanici disseminati da un capo all'altro dell'Europa all'epoca delle grandi migrazioni; i termini arabi –e non solo quelli legati direttamente alla religione islamica– diffusi in tutto il mondo musulmano. E poi, la penetrazione, un po' in tutte le lingue europee, di voci italiane durante il Rinascimento, spagnole nei Seicento, francesi nel Settecento. Il fenomeno si accentua ancora nell'Ottocento con l'avvento della rivoluzione industriale e la parallela diffusione di termini inglesi legati soprattutto all'industria e al commercio, per divenire massiccio nel Novecento, specialmente dopo la seconda guerra mondiale, quando non più soltanto l'Inghilterra ma ancor più il Nord America diffondono in tutto il resto del mondo, con parole inglesi, le grandi novità della scienza, della tecnica, della vita associativa. La facilità dei contatti, la radio, la televisione, le canzoni, lo sport, i più intensi scambi culturali, non fanno che accrescere questa ondata di parole straniere, soprattutto inglesi, che si abbatte, in misura senza precedenti, sulle altre lingue.

In un'epoca come la nostra, caratterizzata da una fitta rete di scambi comunicativi e di contatti interlinguistici a livello planetario, niente di più normale che le parole legate a fatti di particolare risonanza mondiale viaggino da una lingua all'altra. Dinanzi a ciò, i dizionari non possono che essere incompleti e inevitabilmente in ritardo. E' il caso di pasdaran, parola dell'iranico moderno, dal significato di guardiani e spesso presente nei testi facendo ricorso alle virgolette o al corsivo.

Dal 2000 ad oggi, l'uso di termini inglesi nella lingua italiana scritta è aumentato del 773% in base ad una rilevazione condotta su un campione di 58 milioni di parole prodotte da aziende italiane.

In questa rubrica vogliamo districarci in questo mondo complicato e spesso crudele (perché gioca brutti scherzi anche ai più eruditi).

Se vuoi approfondire leggi il nostro Articolo Zero

La soggettiva di un party, delle persone sorridono, un uomo guarda il telefono, un'altro fa una smorfia alla telecamera

Party

Sostantivo, inglesismo italiano, pronuncia: paati

Etimologia

Il termine Party deriva dal latino partiri = "porzioni".

Significato

Il termine Party è sinonimo di festa, evento formale, ricevimento.

Variazioni con il termine Party
  • Cocktail party: ricevimento con servizio di cocktail.
  • Garden party: ricevimento all'aperto.
  • Free party o Rave party: manifestazione musicale.
  • Pigiama party: inconto tra adolescenti in pigiama.
  • Party game: gioco di società.
  • Working party: gruppo di lavoro.
  • Shooting party: battuta di caccia.

Un uomo accende la sigaretta ad una donna, sono a tavola

Bon ton

Sostantivo, Francese, Pronuncia: bòn tòn.

Etimologia

La locuzione Bon Ton deriva dal francese = "buone maniere".

Significato

Espressione Bon Ton è usata per indicare modi e comportamenti educati, eleganti; che seguono il galateo, le buone maniere: le regole del bon ton; un manuale di bon ton; anche con funzione aggettivo: una ragazza, un vestito, un ambiente bon ton.

Per approfondire

Breve storia del bon ton di Maria Valentina Platania.

Quel che resta del bon ton di Victoria Giallo.

postit con le parole straniere scritte sopra

Rispetto al francese e allo spagnolo, l'italiano accoglie più facilmente le parole straniere e in particolare le parole dell'angloamericano. L'acclimatazione di un prestito straniero è spesso graduale.Un tempo si adattava alle regole grafiche dell'italiano anche la forma scritta della parola: adesso l'adattamento è solo nella pronuncia mentre la grafia è mantenuta, anche a costo di errori.

Insieme all'adattamento fonetico c'è un ambientamento morfologico, sia per le parole di lingue che non hanno genere come l'inglese, sia per quelle che ce l'hanno. Il genere scelto è spesso l'originale, ma talvolta è il genere di una parola italiano vicina per senso o suono al prestito.

una ragazza sexy

Sex appeal

Sostantivo inglese, pronuncia: sèks ëpìil.

Etimologia

La locuzione inglese Sex appeal è un anglicismo italiano.

Significato

Con la locuzione Sex appeal, letteralmente richiamo del sesso, si indica il fascino costituito prevalentemente da fattori erotici. Eroticamente conturbante. È la particolare capacità di esercitare, con le proprie doti fisiche (insieme allo sguardo, alla voce, al portamento, eccetera), una forte attrattiva sessuale: un’attrice, una donna dotata di sex appeal.

Un uomo di una certa età barba e capelli bianchi da talebano vestito da finto povero

Bobòs

Locuzione francese, francesismo italiano, pronuncia: bobò.

Etimologia

Il neologismo Bobòs è composto da bourgeois (burgeuà) = borghese e bohémien (boémien) = zingaro.

Significato

I Bobòs sono persone di cultura, economicamente agiate, che prediligono l'alimentazione biologica, l'abbigliamento naturale, mete e periodi di vacanze alternativi. Una sorta di evoluzione del radical chic.

Pagina 3 di 157

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi818
Ieri964
Settimana Scorsa7193
Mese Scorso29922
Da Gennaio 20151187862

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out