NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Parole straniere

Parole straniere

Anglicismi, Francesismi, Ispanismi e i più rari Germanismi i prestiti linguistici e cioè l'assimilazione di elementi, di solito lessicali, da un'altra comunità, sono un fenomeno che accompagna lo sviluppo della società umana nella storia. Idee nuove e cose nuove esigono parole nuove; ed è naturale che una comunità che porta idee e cose nuove le trasmetta ai popoli con cui viene in contatto, insieme alle parole a esse collegate.
La storia è ricca di esempi. Basterà ricordare la quantità di parole greche assimilate dal latino; il numero dei vocaboli germanici disseminati da un capo all'altro dell'Europa all'epoca delle grandi migrazioni; i termini arabi –e non solo quelli legati direttamente alla religione islamica– diffusi in tutto il mondo musulmano. E poi, la penetrazione, un po' in tutte le lingue europee, di voci italiane durante il Rinascimento, spagnole nei Seicento, francesi nel Settecento. Il fenomeno si accentua ancora nell'Ottocento con l'avvento della rivoluzione industriale e la parallela diffusione di termini inglesi legati soprattutto all'industria e al commercio, per divenire massiccio nel Novecento, specialmente dopo la seconda guerra mondiale, quando non più soltanto l'Inghilterra ma ancor più il Nord America diffondono in tutto il resto del mondo, con parole inglesi, le grandi novità della scienza, della tecnica, della vita associativa. La facilità dei contatti, la radio, la televisione, le canzoni, lo sport, i più intensi scambi culturali, non fanno che accrescere questa ondata di parole straniere, soprattutto inglesi, che si abbatte, in misura senza precedenti, sulle altre lingue.

In un'epoca come la nostra, caratterizzata da una fitta rete di scambi comunicativi e di contatti interlinguistici a livello planetario, niente di più normale che le parole legate a fatti di particolare risonanza mondiale viaggino da una lingua all'altra. Dinanzi a ciò, i dizionari non possono che essere incompleti e inevitabilmente in ritardo. E' il caso di pasdaran, parola dell'iranico moderno, dal significato di guardiani e spesso presente nei testi facendo ricorso alle virgolette o al corsivo.

Dal 2000 ad oggi, l'uso di termini inglesi nella lingua italiana scritta è aumentato del 773% in base ad una rilevazione condotta su un campione di 58 milioni di parole prodotte da aziende italiane.

In questa rubrica vogliamo districarci in questo mondo complicato e spesso crudele (perché gioca brutti scherzi anche ai più eruditi).

Se vuoi approfondire leggi il nostro Articolo Zero

A sinistra la foto di un occhio con glaucona la pupilla è dilatata e al centro è visibile una alterazione grigiastra a destra il grafico della sezione di un occhio

Responders

Inglese, pronuncia: risponders.

Etimologia

Dal latino respondēre = "dare una risposta".

Significato

Quasi tutti i medicinali hanno delle possibili reazioni avverse. Per fortuna spesso, queste, sono di entità minima o comunque sono staticamente poco probabili, altrimenti il prodotto non sarebbe stato approvato. I medicinali comunque vengono costantemente monitorati, anche dopo la loro immissione sul mercato. Nel caso sopravvengano e vengano segnalate reazioni avverse significative, anche in seguito,  questi, vengono immediatamente ritirati.
In questo ambito, ci sono dei soggetti rari (pazienti) detti responders, che da sempre o in seguito ad eventi particolari imprescindibili, sviluppano una sensibilità acuta ad un farmaco. Al contrario dei soggetti allergici i responders hanno una significativa risposta ad una o più delle reazioni avverse rare.
Classico il caso dei cortisonici verso la reazione avversa di aumento del tono oculare e delle sue pericolose conseguenze. Nella anamnesi del oaziente verrà quindi inserita la locuzione tecnica "responders ai cortisonici".

un drone riprende dall'alto un rassemblement

Rassemblement

Francese, pronuncia: ràssemblemà.

Etimologia

Il termine rassemblement deriva dal latino assimulare = "rendere simile".

Significato

Un rassemblement in italiano assembramento è una moltitudine di persone all'aperto, sinonimo di adunata, raduno, ammassamento, raccolta, raggruppamento.

Sinonimi

Affluence, afflux, presse, flot, abondance, débordement, multitude, monde, foule, nombre, assemblée, attroupement, collection, recueil, assortiment.

una stampa con disegni di oggetti antici, una tuba

Vintage

Pronuncia Francese: [vintàg(e)]. Pronuncia Inglese: [vèntec].

Etimologia

Il termine vintage deriva dal latino [vindemia] cioè vendemmia.

Significato
  • Il termine vintage, di derivazione enologica, indica il vino d'annata, reso pregiato dall'invecchiamento.
  • Nell'accezione moderna il termine vintage viene utilizzato per indicare un oggetto di culto, fuori produzione, appartenente ad un'altra epoca o generazione. L'oggetto vintage si distingue dall'oggetto semplicemente "usato" perché la sua caratteristica principale non è l'essere già stato utilizzato in passato, ma l'aver acquisito nel tempo un valore derivato dalla sua rarità e dalla sua irripetibilità.
    Approfondisci l'aspetto di vintage nella moda...

lingua la parte centrale interna è sensibile al gusto amaro, verso la punta, ai lati prima ci sono le aree destra e sinistra del gusto acido, poi le aree destra e sinistra del gusto salato. la striscia centrale è il gusto umami e la punta il gusto dolce

Umami

Giapponese うま味, pronuncia: umàmì.

Etimologia

Il termine umami deriva da 旨み、旨味、うまみ = "gusto", "sapore", "assaggio".

Significato

Il gusto umami è uno dei sapori fondamentali (come l’amaro, il dolce, il salato e l’acido) per il quale viene preso a prototipo quello dell'hacho miso (semi di soia cotti e fermentati). Le papille gustative preposte alla sua rilevazione sono posizionate nella striscia centrale della lingua. Questo quinto gusto è stato trascurato fino al 1909 quando Kikunae Ikeda – professore presso l’Università Imperiale di Tokyo – lo identificò mentre beveva il brodo dashi (a base di alga kombu e bonito, il tonnetto essicato). Oggi sappiamo che è presente anche nella cucina italiana e sono parecchi gli alimenti che lo possiedono naturalmente: dal prosciutto stagionato al parmigiano, ai pomodori maturi, la colatura di alici e diversi tipi di funghi.

Curiosità

Il gusto umami lo trovate in tutto il mondo e questa mappa creata dall’Umami Information Center vi spiega perfettamente dove e in cosa.

On line trovate anche gli approfonditi studi di Tomaso Papi dove viene spiegato scientificamente come l’umami non sia un gusto immediatamente percepito. Diventa persistente in un secondo momento dopo la deglutizione, dai residui di saliva rimasti in bocca.

un museo diviso in pannelli

Exhibit

Inglese, pronuncia: ixibet.

Etimologia

il termine exhibit deriva dal latino exhibeō = "mostra", composto da ex- = “fuori da” + habeo  = “ho", "tenere” cioè "tutto quello che ho".

Significato

Un exhibit è uno dei reparti, divisioni oppure microsettori di una più ampia installazione formulata in sezioni ben definite: Il museo Corporea, presente al Villaggio della scienza di Napoli, consente la sperimentare in 100 exhibit interattivi.

Pagina 10 di 157

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi628
Ieri795
Settimana Scorsa6592
Mese Scorso26774
Da Gennaio 20151400556

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out