NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Detti latini

Detti latini

Nel passato conoscere le risposte era prerogativa di Saggi e Iniziati, rigorosamente vincolati al segreto, eppure esiste un filo d'oro che collega tutte le civiltà e che ha permesso di portare fino ai tempi attuali gli insegnamenti dell'antica Saggezza, che comprendono le risposte alle domande primordiali che ogni uomo che comincia a sollevarsi dalla massa bruta, si pone nel suo intimo più profondo: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo?

Intere scuole di filosofia hanno tentato, e ancora lo fanno, di proporre risposte, varie e articolate come le differenze di carattere degli uomini, noi tenteremo di trasmetterle in questa rubrica.

La foto delle prime pagine del libro Eneide di Virgilio c'è un disegno e delle scritteL'Eneide (in latino: Æneis) è un poema epico della cultura latina scritto dal poeta Publio Virgilio Marone tra il 29 avanti Cristo e il 19 avanti Cristo, che narra la leggendaria storia dell'eroe troiano Enea.

Publio Virgilio Marone (Virgilio)

Poeta romano - vedi scheda...
(70 avanti Cristo - 14 avanti Cristo)

Versione latino

Notumque furens quid femina possit

Analsi del testo

È noto di che cosa sia capace una donna infuriata

È un famoso detto latino, tratto dal capitolo quinto dell'Eneide. Le donne da sempre hanno giocato con il loro sembrare deboli e indifese, ma con il movente giusto possono diventare belve feroci.

un'immagine a china del personaggio

Publio Terenzio Afro

Commediografo latino (190 a.C. - 159 a.C.)

Nullast tam facilis res quin difficilis siet quam invitus facias

Non vi è cosa tanto facile che non sia diffficile se la si fa controvoglia

Marco Tullio Cicerone

Marco Tullio Cicerone

(106 a.C. - 43 a.C.)
Filosofo, avvocato e scrittore.

Ne utile quidam est scire quid futurum sit - Miserum est enim nihil proficientem angi

Non c'è alcuna utilità nel conoscere l'avvenire - È una sventura tormentarsi invano

Gaio Valerio Catulloll poeta Catullo legge uno dei suoi scritti agli amici, da un dipinto di Stefano_Bakalovich

Gaio Valerio Catullo

Poeta latino (Verona 87 a.C. - 57 a.C.)
Apparteneva a una famiglia agiata. Stando a quanto racconta Svetonio, il padre ospitò Q. Metello Celere e Giulio Cesare in casa propria al tempo del loro proconsolato in Gallia.

Ista cum lingua, si usus veniat tibi, possis culos et crepidas lingere carpatinas

Con codesta lingua potresti, all'occorrenza, leccare culi e sandalacci di cuoio.

 Latine loqui

Cicerone
Mihi pinnas inciderant

Mi avevano tarpato le ali

Significa tradimento

Pagina 6 di 229

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi50
Ieri586
Settimana Scorsa5403
Mese Scorso21583
Da Gennaio 20151106394

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out