NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

Sembra un prete capelli scomposti corti e grigi il colletto dell'intimo bianco si intravede dal resto tutto nero

Alessandro Baricco

(1958 – vivente), scrittore, saggista, critico musicale, sceneggiatore e regista italiano.

Aforismi di Alessandro Baricco

  • Non c’è una definizione precisa della stupidità, però ce ne sono molti esempi.
  • La crudeltà è la virtù per eccellenza dei mediocri: hanno bisogno di esercitare la crudeltà, esercizio per cui non è richiesta la minima intelligenza.
  • Forse si muore in tanti modi, e ogni tanto mi chiedo se anche noi non lo stiamo facendo senza saperlo.
  • Commercializzazione spinta uguale perdita dell'anima.
  • Erano aspiranti lettori che non avevano mai aperto un libro.
  • Se una cosa vende molto, vale poco. L'adesione irrazionale a un principio del genere è probabilmente uno dei peccati capitali di ogni grande civiltà nella propria fase di decadenza.
  • Si imparano un sacco di cose, avendo la pazienza di farlo.
  • Si sono adattati, hanno corretto due o tre cose, e l'hanno fatto. Anche molto bene, bisogna dire.
  • Suonerà assurdo, ma niente di tutto quello che ho raccontato sarebbe probabilmente successo senza l'invenzione dell'aria condizionata.
  • Crescere, amare, fare figli, invecchiare – e tutto questo mentre anche siamo altrove, nel tempo lungo di una risposta non arrivata, o di un gesto non finito. Quanti sentieri, e a che passo differente li risaliamo, in quello che sembra un unico viaggio.
  • La gente fa così, è cattiva con quelli che perdono.
  • È uno specchio, questo mare. Qui, nel suo ventre, ho visto me stesso. Ho visto davvero.
  • Oggi la pace è poco più che una convenienza politica: non è certo un sistema di pensiero e un modo di sentire veramente diffusi.
  • Quel che di bello c'è nella vita è sempre un segreto... Per me è stato così... Le cose che si sanno sono le cose normali, o le cose brutte, ma poi ci sono i segreti, ed è lì che si va a nascondere la felicità.

una tastiera ripiegata a sfera con i tasti su cui sono sovrimpressi simboli di diversi programmi per blog

Blogosfera (o blogsfera)

Sostantivo

Etimologia

Il termine Blogosfera è un neologismo composto da blog contrazione invariata dall'inglese weblog a sua volta contrazione del termine indoeuropeo antico web = "onda" + dal norvegese log = "nota", "resoconto" + sfera dal greco sphaîra (σφαῖρα) = "Palla" nel senso di simbolo geometrico e recentemente anche "Globo" - calco dell'inglese blogosphere.

Significato

Il termine Blogosfera indica l'universo dei blog, nell'ambito di internet, dove i blogger (o blogghisti o blogonauti), interconnessi, si scambiano notizie, li approfondiscono e discutono tra di loro. Essa comprende i blog, i forum, le newsgroup e i social network e rappresenta il bacino d’intervento dei singoli utenti che si sta evolvendo verso aggregati più strutturati, le comunità virtuali, il fenomeno più controverso e di moda del web. Ne sono esempi Facebook sia aggregatori di risorse condivise come YouTube per i video, Flickr per le immagini, sia portali di tipo corporative, in cui la comunità è quella raccolta attorno a un prodotto o agli interessi di una società che la incentiva e la sostiene.

una foto in bianco e nero, in primo piano un uomo dai lineamenti decisi, non magro con sottili baffetti

Ignazio Silone

(1 Maggio 1900 - 22 Agosto 1978)
Ignazio Silone, pseudonimo e poi, dagli anni sessanta, anche nome legale, di Secondo Tranquilli. È stato uno scrittore, drammaturgo e politico italiano. Può annoverarsi tra gli intellettuali italiani più conosciuti e letti in Europa e nel mondo.

Aforismi e citazioni di Ignazio Silone

  • La libertà non è una cosa che si possa ricevere in regalo.
  • Si può vivere anche in un paese di dittatura ed essere libero, a una semplice condizione, basta lottare contro la dittatura.
  • L'uomo che pensa con la propria testa e conserva il suo cuore incorrotto, è libero.
  • L'uomo che lotta per ciò che egli ritiene giusto, è libero.
  • Si può vivere nel paese più democratico della terra, ma se si è interiormente pigri, ottusi, servili, non si è liberi; malgrado l'assenza di ogni coercizione violenta, si è schiavi.
  • Questo è il male, non bisogna implorare la propria libertà dagli altri.
  • La libertà bisogna prendersela, ognuno la porzione che può.
  • La forza della dittatura è nei muscoli, non nel cuore.
  • Crescere richiede un'intera vita ma per diventare vecchi una notte è sufficiente.
  • Il mondo è rotondo. Chi parte, perde tempo.

Una bella donna, la foto è in bianco e nero, i capelli sono semilegati dietro trucco semplice

Katharine Houghton Hepburn

(12 maggio 1907 – 29 giugno 2003)
Katharine Hepburn è stata una attrice cinematografica e teatrale statunitense.

Aforismi di Katharine Hepburn

  • Recitare è un piacevole lavoro per bambini: fingi di essere qualcun altro vendendo te stesso.
  • Mai lamentarsi, mai dare spiegazioni.
  • Ho capito solo poco tempo fa che le donne avrebbero dovuto essere il sesso inferiore.
  • Nella vita, se vivi seguendo le regole, ti perdi tutto il divertimento.
  • L'ambizione della star di Hollywood media è quella di essere ammirata da un americano, corteggiata da un italiano, sposata con un inglese e fidanzata con un francese.
  • A volte mi chiedo se gli uomini e le donne siano davvero fatti gli uni per gli altri. Forse si dovrebbe vivere accanto e visitarsi soltanto di tanto in tanto.
  • Per quanto mi riguarda, i premi non sono niente. Il mio premio è il mio lavoro.
  • Essere una casalinga e una madre è il lavoro più grande del mondo, ma se non ti interessa, non farlo – io sarei stata una madre terribile.
  • Non credo nel matrimonio. È terribilmente scomodo amare, onorare e obbedire.
  • Ho tanti rimpianti, e sono sicura che tutti li hanno. Le cose stupide che fai, le rimpiangi... se sei sensato, e se non le rimpiangi, forse sei stupido.
  • Non dimentico mai che già il solo esistere, è divertente.
  • Se obbedissi a tutte le regole, ti perderesti tutto il divertimento.
  • Recitare è la professione del perfetto idiota.
  • Ad Hollywood non mi apprezzeranno fin quando non mostrerò le mie gambe.

un teppista fotografato da vicino visto dalle spalle incita il cordone della polizia sullo sfondo

Hooligan

Inglese, pronuncia: hùllughen.

Etimologia

Il termine giornalistico hooligan è nato nell'ambiente calcistico inglese, deriva dal cognome di una famiglia irlandese residente a Londra sul finire del secolo XIX, molto famosa per essere rissosa.

Significato

Hooligan indica una persona dal comportamento violento, indisciplinato e ribelle, utilizzato generalmente per indicare i tifosi più turbolenti e violenti.

le sagome di un uome e una donna che litigano

Dissìdio

Sostantivo

Etimologia

Il termine dissidio deriva dal latino: discidium = "separazione", derivato da dissìdere = "discordare".

Significato
  1. Il dissidio è un contrasto motivato da una divergenza di opinioni fra due o più persone, gruppi, enti cooperanti allo stesso fine ma con vedute diverse: un dissenso fra alleati, il loro è un dissenso insanabile, il lieve dissidio d'opinioni, comporre il dissidio, accordare coloro che dissentono.
  2. Per estensione un dissidio è anche una  discordia, un litigio: non conosco le cause del dissidio tra fratelli.
Della stessa radice

La dissidenza è un contrasto o un dissidio dottrinario, specialmente in materia religiosa o politica, specialmente all'interno di un gruppo, di un movimento: la dissedenza della minoranza era palpabile.

Aggettivo

Dissidente è una persona o gruppo che, professando idee contrastanti con quelle della maggioranza, si distacca da una confessione religiosa o da un partito politico.

Sinonimi

Dissenso, disaccordo, dissidenza, contrasto, discordia, controversia, contesa, disputa, divergenza, discrepanza, dissapore.
Conflitto, lite, litigio, lotta, attrito, urto, alterco.

Contrari

Accordo, intesa.
Pacificazione.

Gaio Sallustio Crispo (Sallustio)

profilo del personaggio da una miniatura(86 avanti Cristo - 35 avanti Cristo)
Gaio Sallustio Crispo, più semplicemente noto come Sallustio, è stato uno storico, politico e senatore romano del periodo repubblicano.

Versione Latino

Concordia parvae res crescunt, discordia maximae dilabuntur

Analisi del testo

Nell'armonia le piccole cose crescono, nel contrasto anche le più grandi svaniscono

La frase viene citata ogni qualvolta necessiti un richiamo ad una forte unità, ad un forte spirito di concordia.

un carretto trainato da buoi sul letto del fiume degli operai caricano la sabbia"I renaioli dell’Arno" di Pointeau Stanislao (1833-1907) Dipinto Olio su tela (100x189) Collezione privata.

Renaioli o Renai

Sostantivo

Etimologia

Il termine Renaioli è composto da Rena che deriva dal latino (h)arēna = "tolta dal greto dei fiumi" + -ioli o -i = suffisso che indica gli addetti di un settore professionale.

Significato

Con il termine desueto Renaioli o Renai erano indicati gli operai che, nella prima metà del '900, prelevavano sabbia o ghiaia da un fiume adoperando appositi barchini o carri. Nel secondo dopoguerra vennero soppiantati da metodi più moderni per l'estrazione del materiale fluviale quali il dragaggio il termine quindi è stato sostituito con Dragatori.

Marco Porcio Catone (Catone)

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Rumores fuge, ne incipias novus auctor haberi: 
nam nulli tacuisse nocet, nocet esse locutum

Analisi del testo

Fuggi le chiacchiere, per non essere reputato un loro fomentatore:
a nessuno nuoce aver taciuto, nuoce aver parlato

Molto spesso si usa solo l'espressione abbreviata "Rumores fuge". Il motto si trova nel libro 1, captoli 12, del Dislicka de mortimi.

una donna in una posizione yoga anche denominata spaccata

Acquiescenza

Sostantivo

Etimologia

Il termine acquiescenza deriva dal latino acquiescere - quiescere = "riposare".

Significato
  1. Letteralmente l'acquiescenza è il consenso tacito, la remissività a una decisione.
  2. Per estensione l'acquiescenza è un atteggiamento passivo, remissivo.
  3. Nel linguaggio giuridico l'acquiescenza è una rinuncia implicita o esplicita al diritto di esercitare l'impulso processuale.
  4. Nel diritto tributario l'acquiescenza è un accordo, stipulato tra un ente impositore e un contribuente, con il quale il secondo rinuncia ad eventuali ricorsi mentre il primo considerati i costi onerosi risparmiati,  riduce di conseguenza le sanzioni.
  5. L'acquiescenza testamentaria è un concetto di diritto processuale civilistico con il quale si identifica la rinuncia di un legittimario leso o pretermesso a qualsiasi opposizione a quanto presente nel testamento del de cuius, tra cui l’azione di riduzione.
Sinonimi

Arrendevolezza, consenso, rassegnazione, remissività, tacito consenso.

Pagina 3 di 195

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi26
Ieri974
Settimana Scorsa6720
Mese Scorso24178
Da Gennaio 20151499672

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out